Logo MotorBox
Restomod EV

La Mini sposa batterie e motore elettrico per diventare una perfetta (e costosa) citycar


Avatar di Alessandro Perelli , il 10/06/24

1 settimana fa - La piccola inglese si converte all'energia elettrica

Foto e scheda tecnica di restomod Mini elettrica DBA
Il team britannico di David Brown Automotive trasforma la Mini classica in una raffinata EV con autonomia di 180 km. Il prezzo? Da intenditori...

David Brown Automotive (DBA) è un preparatore britannico specializzato in restomod. Il team inglese si è fatto conoscere al di là della Manica, ma anche sul Continente, grazie ad alcuni esemplari costruiti su base Mini con motori convenzionali potenziati come quello mostrato sui media inglesi un paio di anni fa. Ma oggi gli specialisti di DBA si sono cimentati con un modello fuori dagli schemi classici; infatti, hanno realizzato il restomod di una Mini d’epoca, ma con motore elettrico. Tutto parte da un esemplare le cui condizioni possono non essere perfette poiché l’automobile originale riceverà una nuova scocca realizzata dalla British Motor Heritage. Quindi, DBA alleggerisce, riveste e dipinge la carrozzeria in modo che si adatti alle richieste del cliente e, in genere, agli standard attuali di robustezza e design. Dopodiché, si procede nel montaggio di tutta la parte elettrica, che comprende un sistema EV completo acquistato dalla Fellten, società anglo-australiana che è uno dei pochi produttori a fornire trasformazioni di Mini classiche in modelli 100% EV.

Mini EV by David Brown Automotive: il restomod della citycar con motore elettrico Mini EV by David Brown Automotive: il restomod della citycar con motore elettricoRIMANE LA STRUTTURA ORIGINALE Anche se la carrozzeria è nuova, così come la trasmissione, della Mini originale rimangono altri componenti per farle mantenere il più possibile lo schema tecnico e delle sovrastrutture. Quindi, sotto il cofano c'è un motore elettrico Zonic da 97 CV, più un pacco batterie e un inverter nel bagagliaio, e tutti si fissano ai punti di montaggio esistenti dell’autotelaio. Allo stesso modo, sotto la carrozzeria corrono i cavi protetti da una piastra paramotore, montati su fori già presenti. Anche la porta di ricarica, solo di tipo a corrente alternata, quindi non con ricarica rapida, utilizza il foro del serbatoio del carburante. Il corpo vettura è smussato e levigato e il fatto che lo sterzo e le sospensioni siano di primo equipaggiamento non penalizza l’auto dal punto di vista della guida. A vederla e guardarla, però, è davvero brillante e come qualsiasi altra automobile nuova, anche se molto più piccola. Ed è facile dimenticare, data la rarità delle Mini originali, quanto siano carine. È lunga solo 3,05 metri e larga 1,4 metri, misure ormai perse nella notte dei tempi. E pensare che queste auto possono ospitare quattro persone.

Mini EV by David Brown Automotive: struttura originale, ma sottopelle è 100% ''green'' Mini EV by David Brown Automotive: struttura originale, ma sottopelle è 100% ''green''INTERNI RIFATTI A NUOVO Il restyling apportato da DBA all’abitacolo include non solo un nuovo cruscotto, ma anche piacevoli prese d'aria e pulsanti in metallo, oltre a quadranti davvero affascinanti, che si adattano alle forme originali, ma che includono l’indicatore dello stato di carica per la batteria. Ci sono anche sedili anteriori più lussuosi, ma è meglio pensare ai sedili posteriori come uno spazio aggiuntivo per i bagagli, anche se la batteria è montata al posto della ruota di scorta per recuperare un po’ di spazio; quindi, il bagagliaio ha ancora le dimensioni originali. In ogni caso, la Mini elettrica è un modello più a due che a quattro posti, ma dato che questo livello di restyling costa 150.000 sterline (177.500 euro al cambio attuale), la maggior parte dei proprietari avrà ben altre auto nel garage per i viaggi in famiglia; quindi, lo spazio in abitacolo passa in secondo piano.

Mini EV by David Brown Automotive: l'abitacolo elegante e con infotainment aftermarket Mini EV by David Brown Automotive: l'abitacolo elegante e con infotainment aftermarketAUTONOMIA... “URBANA” Inoltre, non importa che le batterie abbiano una capacità massima di appena 19 kWh, per un’autonomia di 110 miglia (circa 180 km) o, come dice DBA ai clienti in modo che non restino mai delusi, 100 miglia (160 km) con sicurezza. Lato ricarica, con una wallbox domestica basterebbero tre ore per fare il pieno di energia. Si tratta, quindi, di una perfetta citycar alla spina e sotto questo punto di vista, fa esattamente quello che deve. Per esempio, con quasi 100 CV, scatta da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi. Inoltre, come tutti i veicoli elettrici, ha un’erogazione di coppia energica e fluida da fermo, ed è molto lineare. C'è anche un buon feeling con i freni, con una buona sensazione sul pedale e la rigenerazione che ottimizza l'autonomia. La leva del cambio è nella stessa posizione del solito, all'incirca alla stessa altezza, ma solo con le posizioni avanti e indietro, avendo a che fare con un motore elettrico.

VEDI ANCHE



Mini EV by David Brown Automotive: i sedili posteriori utili per caricare più bagagli Mini EV by David Brown Automotive: i sedili posteriori utili per caricare più bagagliUN’ELETTRICA PESO PIUMA Detto questo, bisogna fare una piccola considerazione sul peso. Per esempio, sappiamo che è possibile realizzare un veicolo elettrico leggero come un’auto con motore a scoppio, ma ciò significa avere una batteria piccola e molto probabilmente nessuna ricarica rapida. Le prime Mini pesavano meno di 600 kg e intorno a 700 kg verso la fine del loro ciclo. I ragazzi di DBA dichiarano un peso di 640 kg per questo restomod BEV, che è davvero molto interessante per gli standard moderni, quindi l’auto gira, sterza e si ferma con la stessa facilità della maggior parte dei modelli di questo genere. I cerchi misurano 12 pollici e calzano gomme Yokohama A539 da 165/60, uno ''pneumatico sportivo a tutto tondo''. Questo è quasi il modo in cui si potrebbe descrivere anche l'esperienza di guida della Mini EV: sportiva a tutto tondo. Concludendo, grazie a nuovi interni, alla raffinatezza offerta e a un discreto sistema infotainment aftermarket, si percepisce l’ottimo lavoro svolto da DBA. Resta in piedi la questione prezzo, che non è da sottovalutare. Ma, si sa, qualche originale benestante, sensibile al sottile fascino della sostenibilità ecologica, in giro per il mondo lo puoi trovare…

Mini EV by David Brown Automotive: prezzo fissato a circa 175.000 euro Mini EV by David Brown Automotive: prezzo fissato a circa 175.000 euro

SCHEDA TECNICA

  • Motore sincrono
  • Potenza 97 CV
  • Coppia 175 Nm
  • Cambio Riduttore a singola velocità, trazione anteriore
  • Peso a vuoto 640 kg
  • 0-100 km/ h 8,5 secondi
  • Velocità massima oltre 150 km/h
  • Autonomia, economia 180 km
  • CO2 0g/km
  • Prezzo 150.000 sterline (circa 177.500 euro)

Pubblicato da Alessandro Perelli, 10/06/2024
Tags
Gallery
Vedi anche