Autore:
Luca Cereda

GENI ORIENTALI La prossima della BMW Z4 non si chiamerà BMW Z5, come inizialmente sembrava: ce lo ha ribadito la BMW Z4 concept appena presentata al salone di Francoforte. E se il nome pare mantenere una forte continuità col passato, il progetto tecnico è invece tutto da scoprire. La nuova spider di Monaco, attesa sul mercato nella seconda metà del 2018, sarà costruita su una piattaforma sviluppata in collaborazione con Toyota, che si prepara a rilanciare la Supra. 

POSTERIORE E (FORSE) INTEGRALE La nuova generazione della BMW Z4 adotterà un tettuccio morbido - diversamente dalla Supra, che sarà solo coupé - e potrebbe essere proposta con la trazione integrale in opzione alternativa alla ricetta originale: trazione posteriore, of course. Quanto allo stile, la speranza di chi è stato a Francoforte è che possa somigliare il più possibile alla BMW Z4 concept. Il capo del design dell'Elica, Adrian van Hooydonk, ha recentemente rassicurato i fan in tal senso.

MOTORI Sotto il cofano della nuova BMW Z4 troveremo motori a quattro e a sei cilindri, come facilmente prevedibile. A differenza della Supra, non dovrebbe essere ibridizzata. Si partirà probabilmente da una versione base equipaggiata con un duemila turbobenzina da 180 cavalli, affiancata da una più potente da 250 cv. Si passerà poi a un sei cilindri in linea 3.0 da 335 cavalli, che, secondo le ultime indiscrezioni, negli USA arriverà a sfiorare i 400 cavalli. Tutti scaricati a terra da un cambio automatico ZF a otto rapporti, ma non è escluso che la tedesca possa offrire anche l'opzione di un cambio manuale, a differenza della "cugina" giapponese. Resta da capire se la condivisione di parti con Toyota riuscirà a contenere anche il prezzo della nuova BMW Z4.


TAGS: bmw nuova bmw z4 BMW Z5 Toyota Supra