Autore:
La Redazione

TELELAVORO Perché recarsi in officina, quando il "tagliando" lo puoi fare senza nemmeno scomodare l'auto dal garage? Il tagliando elettronico, almeno. Nome in codice, BMW Remote Software Upgrade. Già, l'estate 2019 coincide con l'esordio di BMW nell'universo degli aggiornamenti OTA (over-the-air). Tutti i modelli BMW equipaggiati di ConnectedDrive 7.0, cioè la settima e ultima release del sistema operativo interno, riceveranno d'ora in avanti gli aggiornamenti da remoto. Esatto, proprio come accade per gli smartphone: il sistema scarica in autonomia l'aggiornamento e, non appena il download è completato, avvisa il proprietario che è il momento di far partire l'installazione. Semplice come scaricare un'app. 

CIAO, BMW! Remote Software Upgrade significa aggiornamenti di routine per ciascuna delle circa 50 centraline che gestiscono l'elettronica dell'auto, ma anche aggiornamenti funzionali: è il caso ad esempio di nuova BMW X5, modello che al momento del lancio di fine 2018 era ancora sprovvisto di Intelligent Personal Assistant (l'assistente vocale multitasking), e che col Software Upgrade entra a sua volta a far parte della compagnia. A proposito: della gamma BMW già armata di ConnectedDrive 7.0 fanno parte anche nuova Serie 3, il super Suv X7, la super coupé Serie 8, la sportiva Z4 e l'ammiraglia Serie 7.

DOWNLOAD: 100% Il servizio è gratuito. Ed è anche personalizzato: da Monaco il sistema interroga l'auto, capisce quali dispositivi monta, di serie e optional, verifica lo stato di aggiornamento di ogni centralina e prepara un aggiornamento ad hoc. Il download degli aggiornamenti si svolge mentre l'auto è in movimento, dura circa 40/50 minuti, ma la vostra BMW fa tutto da sola. L'installazione, invece, richiede che la vettura sia spenta e sia soddisfatta una serie di condizioni, come che il freno a mano sia inserito. Il processo di installazione ha il via dopo autorizzazione dell'utente e dura circa 20 minuti, fascia di tempo durante la quale l'auto è inutilizzabile. Il display del "navi" ci informa in diretta dello stato dell'aggiornamento, fase in cui non bisogna spaventarsi se accadono fenomeni strani. Provato di persona, a noi è capitato che si accendesse da sola la radio... A fine processo, sulla app BMW Connected si viene avvisati del completamento dell'installazione. Il BMW Software Upgrade è obbligatorio soltanto in presenza di richiami ufficiali per malfunzionamenti elettronici, eventualità per la quale esiste sempre l'alternativa della visita a un Centro assistenza

VIA SMARTHPHONE In futuro, il BMW Remote Software Upgrade potrà essere comandato anche a "doppia distanza", scaricando sul proprio smartphone l'aggiornamento per trasferirlo sull'auto e dare il via all'installazione. In attesa di questa funzionalità, se si è scaricata l'app BMW Connected e ci si è registrati sul sito https://www.bmw-connecteddrive.it associando al proprio profilo la propria auto, sullo smartphone si viene avvisati della disponibilità di un aggiornamento e, alla fine del processo di installazione, che l'auto è pronta a ripartire. Oltre a tutte le funzionalità messe a disposizione dall'app, dalle informazioni sull'autonomia residua, alla posizione GPS, fino al 3D View, che utilizza le telecamere perimetrali per mostrarvi quanto accade intorno alla vostra BMW. 

SHOPPING STORE Oltre agli aggiornamenti di rito, è inoltre possibile acquistare a piacimento anche nuove funzionalità opzionali dal virtuale BMW ConnectedDrive Store. Quando si parla di elettronica applicata all'automotive, l'Elica è da sempre in pole position. Il concetto di ConnectedDrive ha compiuto 20 anni lo scorso anno, nessun altro marchio vanta una tradizione tanto longeva. Remote Software Upgrade come altro passo verso la connettività totale: aspettiamoci effetti speciali a go-go.


TAGS: bmw bmw intelligent personal assistant bmw software update bmw connecteddrive