USA, entro il 2030 il 50% delle auto dovrà essere a batteria
Auto USA

Joe Biden ci crede: nel 2030 il 50% delle auto dovrà essere elettrico


Avatar di Claudio Todeschini , il 06/08/21

1 mese fa - USA, entro il 2030 il 50% delle auto dovrà essere a batteria. L'impegno di Biden

Il presidente USA punta al 50% di auto elettrificate entro il 2030. Elon Musk grande assente dell’evento. E spunta anche una Corvette elettrica...

OBIETTIVI CONCRETI Come anticipato ieri, la Casa Bianca è stata il teatro di una conferenza stampa per parlare del futuro dell’automobile negli Stati Uniti, a cui sono stati invitati i principali costruttori americani: Ford, General Motors e Stellantis. Grande assente Tesla (ma c’è un motivo). Al termine dell’incontro, Biden ha firmato un ordine esecutivo con il quale impegna l’Amministrazione a far sì che metà delle automobili vendute negli Stati Uniti, entro il 2030, sia elettrica o elettrificata. Questo significa auto 100% elettriche ma anche ibride plug-in e fuel cell a idrogeno.

LE DICHIARAZIONI Le tre case automobilistiche invitate alla Casa Bianca hanno dato il loro sostegno all’iniziativa, e rilasciato una dichiarazione congiunta: “Oggi Ford, GM e Stellantis annunciato l’obiettivo comune di raggiungere entro il 2030 il 40-50% di vendite annue negli Stati Uniti di veicoli elettrici (sic) (a batteria, fuel cell e ibridi plug-in). In questo modo aiuteremo la nazione ad avvicinarsi a un futuro a zero emissioni, in accordo con gli obiettivi di Parigi sul clima”.

Joe Biden per la svolta EV degli Stati Uniti: una Jeep plug-in Joe Biden per la svolta EV degli Stati Uniti: una Jeep plug-in

VEDI ANCHE



STRADA GIÀ SEGNATA Va sottolineato che l’ordine esecutivo di Biden non rappresenta un vincolo legale: di fatto, è una “forte raccomandazione”, ma nessun costruttore è obbligato a rispettare quanto deciso dal presidente. Come abbiamo raccontato in questi ultimi mesi, comunque, l’obiettivo 2030 è già stato ampiamente condiviso e annunciato da praticamente tutte le case automobilistiche mondiali, tant’è che gli altri costruttori che operano negli USA (Volkswagen, BMW, Honda, Volvo, Hyundai, Toyota) hanno rilasciato analoghe dichiarazioni di sostegno al piano di Biden. La Casa Bianca punta inoltre a rendere più stringenti i limiti sulle emissioni delle auto nuove, per arrivare entro il 2030 a ridurre del 50% le emissioni di gas serra (non solo legate alle automobili), tornando almeno ai livelli pre-2005.

Joe Biden ha annunciato il piano per il futuro dell'auto negli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato il piano per il futuro dell'auto negli Stati Uniti

CORVETTE ELETTRICA Oltre a guidare una Jeep Wrangler 4xe plug-in (che abbiamo provato anche noi!), durante l’evento alla Casa Bianca Biden ha anche scambiato un paio di battute con il CEO di General Motors Mary Barra, dicendo di volersi già prenotare per la prima Corvette elettrica, che a questo punto possiamo immaginare almeno già in fase di progettazione. “Mary mi ha promesso che sarò il primo a guidare la Corvette elettrica quando la produrranno”, ha detto Biden.

DOV’È ELON MUSK? Il grande assente della giornata di ieri è Elon Musk, che su Twitter ha scherzato - più o meno - della cosa.

Scherzi a parte, la motivazione è molto semplice: Tesla non accetta sindacati nelle sue aziende statunitensi, così come tutti i costruttori esteri (anche loro assenti). Le uniche realtà “unionized” dell’automotive statunitense sono appunto Ford, GM e Stellantis, che infatti erano presenti alla conferenza stampa. A domanda specifica del giornalista David Shepardson di Reuters, che ha chiesto al portavoce di Biden se era davvero questo il motivo per cui non è stato invitato Elon Musk, Jen Psaki ha risposto: “Ti lascio trarre le tue conclusioni”.


Pubblicato da Claudio Todeschini, 06/08/2021

Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox