Pubblicato il 19/11/2018 ore 10:00

NEL FUTURO JAMES BOND POTREBBE GUIDARE UN SUV Al Salone di Ginevra 2015 Aston Martin aveva presentato la concept DBX, prototipo di una futura GT dalle forme giunoniche e un’altezza da terra insolita per le supercar di Gaydon. Oggi quelle stesse forme -o quasi- le vediamo su strada, sulla ghiaia del Wales Rally GB per la precisione, per la prima volta. Sottoposta ai test stradali per metterne alla prova la capacità all-terrain niente meno che dall'ingegnere capo dell'azienda, Matt Becker, la Aston Martin DBX è camuffata ma le sue linee da prototipo non dovrebbero allontanarsi più di tanto da quelle che usciranno dalla filiera produttiva a partire dal terzo trimestre del 2019. Lamborghini Urus, Bentley Bentayga, Rolls-Royce Cullinan...in guardia, il guanto della sfida è stato lanciato. 

ARRIVERA' ANCHE L'IBRIDO? Arriva direttamente da Aston Martin la conferma dell’arrivo entro la fine del prossimo anno del primo Suv del marchio inglese DBX, primo anche a essere prodotto nella nuova fabbrica di St Athan, nel Galles. Le immagini ufficiali mostrano un prototipo camuffato che rivela linee non dissimili da quelle di produzione. Corpo vettura affilato e spalla pronunciata aiutano a ridurre la massa visiva complessiva dell' Aston più alta mai prodotta nonostante la versione di produzione della DBX mostri cinque porte e non la più leggera soluzione a tre porte prevista inizialmente. Solo la griglia a lamelle è un marchio di fabbrica irrinunciabile. DBX inizierà la sua vita in versione benzina: al momento del lancio, infatti,  avrà il V8 da 4,0 litri di Mercedes e il V12 da 5,2 litri di Aston come motori principali. Il marchio inglese ci tiene a far sapere, però, che durante il suo ciclo di vita Aston Martin introdurrà sul Suv DBX la tecnologia ibrida, scelta che svolgerà un ruolo chiave anche nel tentativo di attrarre acquirenti di sesso femminile.

 


TAGS: concept car aston martin aston martin dbx concept aston martin dbx foto aston martin