Pubblicato il 26/12/2019 ore 09:00

PIACE UNA CIFRA Perché Stelvio 2020 è meglio di Stelvio 2019? Non è solo un numerino in più, a fare la differenza. Alfa Romeo Stelvio restyling cresce in chiave digitale e cala come prezzo di listino. Eh già, perché rispetto a prima si può scegliere il modello base, che oltretutto proprio basico non è. Ancora pochi giorni (deadline 31 dicembre) per approfittare delle offerte relative all'edizione pre-facelift: da gennaio, a configuratore solo Stelvio nuovo corso. La gamma è multipla, e per scegliere il modello giusto e non aver mai più rimpianti, serve un'infarinatura. E noi siamo qui apposta.

Stelvio 2020, debutta il giallo ocra

COSA CAMBIA Veloce riepilogo delle puntate precedenti. Alfa Stelvio MY20 (vedi prova) lascia intatta la carrozzeria (al massimo puoi scegliere un nuovo colore, oppure cerchi di disegno differente) per concentrarsi sugli interni, ovvero il punto debole (almeno nei confronti della concorrenza premium) della versione sin qui conosciuta. La plancia ospita finalmente un bel display al tocco da 8,8 pollici di diagonale (anziché il vecchio schermino da 6,5 pollici) e un software più completo e rapido rispetto a prima. Per tutte le funzioni, rimandiamo ai successivi capitoletti.

MOTORI Prima ancora, da affrontare è il tema propulsore. Se Stelvio cammini meglio diesel o a benzina, beh dipende dalle preferenze individuali (più coppia in basso o più allungo in alto?) e soprattutto dall'intensità di impiego del veicolo. Non ultimo, dalla capacità di spesa: a gasolio, Stelvio costa mediamente meno. Ma il benzina è più brillante: vuoi mettere lo sfizio di snocciolare 200 cavalli o anche 280, a seconda dello step del 4 cilindri 2.0 Turbo. Tre invece i livelli di potenza del 2.2 Turbo Diesel160 cv190 cv210 cv. Non cambia solo la potenza, cambia anche l'allestimento interno.

Stelvio 2020: di fuori è tale e quale a prima

TRASMISSIONE Ogni versione è equipaggiata di serie di cambio automatico sequenziale a 8 rapporti AT8. Stelvio Turbo Benzina è in vendita esclusivamente con trazione integrale Q4, Stelvio 2.2 Turbo Diesel 160 esiste invece solo a trazione posteriore. La 2.2 TD 190 è invece modulabile su entrambi i sistemi: due o quattro ruote motrici.

ALLESTIMENTI/1 La porta d'ingresso al mondo Stelvio VentiVenti è a quota 47.500 euro, il prezzo cioè della variante 2.2 Turbo Diesel 160 cv ''Stelvio''. Spoglia di ogni comfort? Non esattamente. Cerchi da 17 pollici, doppio terminale di scarico cromato, fari posteriori a LED, sensori di parcheggio, portellone elettrico, e a bordo, il nuovo Alfa Connect con schermo da 8,8'' Multitouch, oltre al clima bizona. Aiuti alla guida? Oltre ad Hill Descent Control, ecco frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni, Lane Departure Warning (avviso di abbandono di corsia) e Forward Collision Warning (che invece avvisa di un possibile tamponamento). Ah, c'è anche il mitico Alfa DNA, il manettino per selezionare la modalità di guida.

Nuova Alfa Romeo Stelvio, ecco il display da 8,8''

ALLESTIMENTI/2 Alziamo l'asticella, e all'altezza dei 50.500 euro ritroviamo Stelvio Super (anch'essa solo per 2.2 TD 160 cv): in più rispetto alla entry level, i cerchi da 18 pollici, i fari anteriori Bi-Xenon e l'integrazione del sistema Alfa Connect con Android Auto ed Apple CarPlay. Continuiamo ad esplorare: a 51.500 euro ecco l'allestimento Business (il più semplice per le motorizzazioni benzina), dove fa la sua comparsa il sistema di navigazione con aggiornamenti OTA (over-the-air), insieme a cruise control adattivo e ad accesso/avviamento senza chiave. La Sprint (da 56.000 euro) la riconosci per i cerchi da 19 pollici, i sensori di parcheggio anteriori e la telecamera posteriore. Sulla Executive (da 57.000 euro) la dotazione ADAS inizia a farsi interessante: Active Blind Spot, Driver Attention Assist, Traffic Sign Recognition, Lane Keep Assist. 

ALLESTIMENTI/3 Chiudono il catalogo le Stelvio top di gamma: il pacchetto ''Veloce'' (64.200 euro la Turbo Diesel 210, 65.200 euro la Turbo Benzina 280) prevede sedili sportivi, volante riscaldato con paddle in alluminio, cerchi da 20 pollici e paraurti e passaruota in tinta. Il massimo dell'eleganza la si ottiene invece con Alfa Romeo Stelvio Ti (Turismo Internazionale), sempre da 64.200 euro: sedili in pelle Pieno Fiore, inserti in quercia o in noce, cornice dei cristalli cromata, infine la comodità del Traffico Jam Assist, per rilassarsi durante la marcia in colonna. Le possibili combinazioni sono numerose: fate due conti, e battezzate la vostra scelta.


TAGS: alfa romeo suv guida all'acquisto alfa romeo stelvio 2020