Autore:
Marco Rocca

IRRESISTIBILE Che fascino il pick up! Dite di no? Sapete, il primo risale al 1852 quando un costruttore americano pare abbia impiegato per la prima volta questa denominazione. A metà strada tra un mezzo commerciale e un fuoristrada duro regala un’idea di inarrestabilità che, diciamocelo chiaramente, un SUV per quanto mastodontico può sognare. 

DIE HARD Perché? I motivi sono tanti a cominciare dalla sua costruzione che prevede il telaio a longheroni. Ovvero una struttura di acciaio staccata dalla carrozzeria che ha il vantaggio di offrire una grande resistenza torsionale. Un elemento fondamentale nell’offroad più impegantivo. E poi c’è la trazione. Altro punto focale per un mezzo che deve poter salire anche con una tonnellata di carico nel cassone su fondi impervi o su grandi pendenze. E proprio la trazione integrale è uno dei punti di forza del nuovo Mitsubishi L200, più noto nel mondo col nome di Triton. 

SUPER TRAZIONE Si chiama Super Select un nome storico per Mitsubishi. A mio avviso uno dei migliori sistemi di gestione della trazione integrale presenti sul mercato. Negli anni si è evoluto fino al suo massimo sviluppo con il nuovo L200. Ora si chiama Super Select 4WD II. Una trazione integrale inseribile in movimento fino a 100 km/h, attraverso questo pomello, ma che ha il suo plus nella nuova modalità Off-Road Mode, che assicura ulteriori quattro modalità di guida: Ghiaia, Fango/Neve, Sabbia e Roccia (quest'ultima solo con le ridotte inserite e il differenziale posteriore bloccato).

DUE DIFFERENZIALI Ma facciamo il punto. La trazione del nuovo L200 si basa su un differenziale centrale Torsen con ripartizione 40% davanti e 60% dietro e su un differenziale posteriore bloccabile (di serie su tutte le versioni). Il tutto combinato dal lavoro di un cambio automatico con convertitore di coppia ora a 6 rapporti invece di 5. Un cambio che sposa una guida più votata al comfort su strada ma adeguato alle necessità in fuoristrada, anche quando si fa impegnativo: con le ridotte inserite seleziona e mantiene sempre la marcia corretta in base agli ostacoli che passano sotto le ruote.

QUESTIONE DI ANGOLI E visto che sto parlando di guida in off road, è bene fare un breve ripasso degli angoli di attacco e uscita che sono rispettivamente di 31e 23 gradi. Poi c’è l’angolo di dosso che è di 25 gradi. Ma la cosa bella è che si può viaggiare inclinati fino a 45 gradi senza capottare. Non male anche l’altezza da terra di 205 mm. 

TANTA COPPIA SUBITO Ma l’efficacia della trazione Super Select 4WD II si esprime anche grazie alle doti di potenza e di coppia del 2.2 4 cilindri DI-D da 150 CV e ben 400 Nn di coppia già disponibili a soli 1.750 giri. Un range perfetto per la guida in off road. Se poi vi trovate ad affrontare discese troppo ripide, c’è il sistema Hill Descent Control per affrontare uno scollinamento più ripido lasciando fare tutto al pick-up, basta tenere il volante. Non dovete fare altro che impostare la velocità di discesa, fra 3 e 20 km/h, e il gioco è fatto.

SU STRADA Ma un pick up non lo scegli solo per sporcarlo nel fango. Su asfalto il comfort è buono fermo restando che dietro l’assale rigido con le molle a balestra fa quel che può per attutire i colpi. Tra le curve, tenendo ben presente che parliamo di un pick up che può portare fino a 1 tonnellata di carico nel cassone, L200 se la cava piuttosto bene.  

I PREZZI Ma se tutta questa specializzazione in off road non vi interessa sappiate che c’è anche una versione con la trazione Easy Select, uguale a quella di cui vi ho parlato ma senza non ha il sistema Off Road Mode. C’è anche il manuale a 6 marce. Per 30.950 euro. Se invece non volete rinunciare a nulla c'è la versione top di gamma Diamond a 42.250 euro. Il tutto tenendo conto che possono essere in vigore vantaggiose promozioni. 

 


TAGS: mitsubishi mitsubishi L200 2020 pick up l200 nuovo L200 focus trazione integrale