Pubblicato il 30/07/20

SUZUKI E LA TRADIZIONE NELL’IBRIDO Suzuki crede fortemente nell’elettrificazione e lo dimostra il fatto che, a parte la Jimny, i suoi modelli più recenti come Ignis, Vitara e S-Cross sono disponibili con motori a batteria. Anche la nuova Swift con motore 1.2 e la gemella “muscolosa” Swift Sport 1.4 turbo montano una motorizzazione mild-hybrid, quella con l’aiutino degli elettroni.

IL DESIGN

Nuova Suzuki Swift Hybrid: una vista di 3/4 posteriore

COME SI RINNOVA IL LOOK Stile più moderno, interni solidi e confortevoli, la giapponese resta sempre l'eclettica auto per tutti i giorni, ma con distinte personalità. Con il facelift, la nuova Swift ha forme più smussate, una calandra diversa, fari a LED, ma mantiene un profilo sempre originale in poco più di 3 metri e 80 di lunghezza. Se la versione più borghese, compresa la 4wd, ha un look sobrio, la Swift Sport mostra i bicipiti con paraurti dalla presa d’aria maggiorata e cerchi in lega leggera da 17”. Spoiler anteriore, minigonne laterali, ed estrattore posteriore fanno parte di un pacchetto opional da 990 euro, vivamente consigliato. Insomma la piccola di casa Suzuki si è sottoposta a un maquillage utile per regalarle una seconda giovinezza.

L'ABITACOLO

Nuova Suzuki Swift Hybrid: gli interni della Sport

INTERNI CONCRETI E OSPITALI Dentro, su entrambe, lo spazio è buono per quattro passeggeri, con un bagagliaio dalla capacità variabile fra 265 e 947 litri: posso caricare quello che serve per una giornata in città o per il weekend. I sedili sono comodi - più racing quelli della Swift Sport - ci sono rivestimenti pensati per essere solidi e concreti più che per apparire, ma la plancia (con i profili rossi che danno più carattere alla Sport) è organizzata in modo pratico, con il touchscreen da 7” al centro per gestire facilmente l’infotainment.

IL MOTORE ELETTRIFICATO

Suzuki Swift e Swift Sport Hybrid: il motore 1.2 da 83 CV e rete di bordo a 12V

IL SISTEMA IBRIDO ISG In sintesi, il sistema ibrido leggero è basato sull’Integrated Started Generator (ISG) e funziona da generatore di corrente, motorino d’avviamento e motore elettrico. Ma è declinato in due modi diversi: sulla Swift con il motore quattro cilindri benzina milledue aspirato e rete di bordo a 12V, è il classico aiutino nelle ripartenze dal semaforo e permette di consumare meno benzina e inquinare meno, forte dell’azione di veleggiamento in rilascio.

COME VA LA SWIFT HYBRID

Nuova Suzuki Swift Hybrid: piacevole e confortevole su strada

SU STRADA CON LA 1.2 Al volante, l’azione degli elettroni è praticamente inavvertibile, qua ci sono 83 CV e 107 Nm (la coppia massima è erogata a 2.800 giri anziche 4.400 giri), che sono sufficienti per una guida spigliata, grazie anche a un peso di soli 950 kg. E in effetti, la Swift è vivace su strada grazie al leggero boost di potenza di 2,6 CV. Il sistema, oggi passato da 3Ah a 10Ah, si occupa anche di ricaricare la batteria agli ioni di litio – collocata sotto il sedile del guidatore – che alimenta i servizi di bordo. L’azione delle sospensioni è buona, non si sono scomposte sulle strade un po’rovinate che ho percorso durante questo primo test drive, a parte qualche buca più profonda. Mi aspetto la stessa risposta su pavé e binari del tram in città. Farò una prova più severa in un futuro day by day. La versione con 4 ruote motrici è praticamente identica nelle reazioni dinamiche su strade normali, ma offre più sicurezza su strade viscide e su percorsi moderatamente accidentati. Se proprio volete togliervi ogni pensiero, c'è la versione 2wd con cambio automatico, una vera macinatrice di chilomeri in città. 

AGILE E DINAMICA IN CITTÀ Infatti, nel complesso, ho apprezzato la guidabilità della la Swift 1.2 Hybrid, anche il cambio a 5 marce è preciso e gradevole da manovrare. L'auto è sincera nelle reazioni e non mi ha mai messo in difficoltà quando le ho chiesto un po’ più di grinta. Insomma, questa “Suzukina” si candida come perfetta automobile “urbana”, ma che può allungare il suo raggio d’azione senza complessi. I consumi? Ho fatto due rapidi calcoli e ho trovato un dato molto interessante, con una media di 4,7 litri/100 km (21,3 km/litro). Non così lontano dai 3,9 litri/100 km (25,6 km/litro e 88 g/km CO2) dichiarati da Suzuki nel ciclo NEDC, ma lo verificherò in un futuro day by day. 

COME VA LA SWIFT SPORT HYBRID

Nuova Suzuki Swift Hybrid: la Sport è divertente da guidare e pratica in città

AL VOLANTE DELLA SWIFT SPORT HYBRID La Swift Sport, che ho potuto provare fra le curve del kartodromo di Busca (CN) in occasione delle selezioni di Rally Italia Talent 2020 del quale Swift Sport Hybrid è auto ufficiale, ha un’anima diversa dalla cuginetta, è più reattiva, ma è una caratteristica che mi aspettavo. La funzione ibrido-leggera si sdoppia perché oltre al risparmio nei consumi c’è anche una bella dose di potenza e coppia per una guida più vivace e divertente, ho potuto verificarlo nel breve giro di prova durante la presentazione della gamma. Il 4 cilindri turbo-benzina eroga 129 CV e 235 Nm di coppia, ma qui il motore elettrico alimentato dal motogeneratore, rende più corposa la spinta del millequattro grazie ai 10 kW (13,6 CV), che eliminano i ritardi di risposta del motore endotermico per regalare più forza a basso regime, proprio quando serve di più. Pochi i chilometri percorsi, ma ho potuto apprezzare come spunto e ripresa abbiano messo il... “turbo”, anche se l'allungo finale cala un po'. Qui ho una marcia in più rispetto alla milledue, sono sei, con il cambio preciso negli innesti. 

ASSETTO DEDICATO AI CORDOLI E poi c’è un telaio più sostenuto, un assetto più grintoso, che mi consentono ben altri strapazzi rispetto alla Swift “normale”. Il peso è di appena 1.020 kg e trovo la macchina agile nelle curve. Su strada questo assetto peggiorerà un po’ il comfort? Probabile, ma pazienza, non mi compro la Swift Sport solo per andare a passeggio sui tombini in città, anzi… Benzina ed elettroni lavorano in coppia, sulla Swift 1.2 come sulla 1.4 turbo, ma con prospettive diverse. Per fare economia sulla prima (Suzuki dichiara una riduzione di consumi del 15% nel ciclo misto e del 26% nel ciclo urbano rispetto alla vecchia Swift), per risparmiare un po’, ma soprattutto per il gusto di stringere il volante sulla frizzante 1.4 turbo.

TUTTI I PREZZI

Nuova Suzuki Swift Hybrid: auto eclettica per tutti i giorni

IL LISTINO DI TUTTE LE VERSIONI I prezzi? Con praticamente tutti gli ADAS di serie (sono ben 7 gli assistenti alla guida fin dalla versione base), la Swift Hybrid attacca a 17.290 euro in allestimento Cool, 18.590 per la Top e 19.790 euro per la Top con cambio automatico a 7 rapporti. Servono 20.090 euro per la Top All Grip a quattro ruote motrici. Per la divertente Swift Sport il prezzo è fissato in 23.850 euro. Ma poi ci sono le soluzioni finanziarie della Casa giapponese, gli incentivi statali per le elettrificate e le agevolazioni alla circolazione.

IL VIDEO DELLA PROVA SU STRADA

IN DIRETTA DALL'ABITACOLO Dopo avervi spiegato praticamente tutto della nuova Suzuki Swift Hybrid, l'invito è quello di andare a vedere anche il video, dove vi spiego direttamente dall'abitacolo come è fatta e come va la compatta elettrificata di Casa Suzuki. Come detto, le sensazioni sono differenti per la milledue da 83 CV e la 1.4 turbo da 129 CV, ma lascio a voi la parola. Cosa ne pensate della nuova ''Suzukina''?

SCHEDA TECNICA SUZUKI SWIFT HYBRID (SWIFT SPORT HBRID)

Motore 4 cilindri 1.197 (turbo 1.373) cc
Sistema ibrido  Integrated Started Generator/rete 12V (48V)
Potenza e coppia 90 CV/120 Nm (129 CV/235 Nm)
Cambio manuale 5 marce o automatico (manuale 6 marce) 
Dimensioni  3,84 (3,89) x 1,74 x 1,48 (1,50) metri-925 (1.020) kg
Bagagliaio 265/947 litri
Peso 950 (1.020) kg
Consumo ciclo NEDC 3,9 (4,7) litri/100 km
Prezzo

da 17.290 (da 23.850) euro


TAGS: suzuki suzuki swift sport suzuki swift hybrid suzuki swift hybrid prova suzuki swift ibrida suzuki swift hybrid sport suzuki swift mild-hybrid