Pubblicato il 05/02/2020 ore 17:35

GRAZIE DEI FIORI Col Festival di Sanremo a monopolizzare l’attenzione di metà Italia, Suzuki ha portato nella città dei fiori la sua gamma ibrida, a cui si aggiunge da oggi la piccola Swift Sport. Al turbo benzina 1.4 BoosterJet da 129 CV si affianca un motore elettrico ISG (Integrated Starter Generator) da 13,6 CV e 48V che fa anche da alternatore e motorino di avviamento. Sotto i sedili anteriori trova posto la batteria agli ioni di litio, che si ricarica durante le frenate.

COPPIA E RISPARMIO L’azione combinata dei due propulsori offre alla piccola giapponese un po’ di brillantezza in più negli spunti e un discreto risparmio nella guida di tutti i giorni (sia di carburante che di CO2 emessa), che pure non guasta. La coppia disponibile è di 235 Nm a 2.000 giri, su una macchina che pesa poco più di una tonnellata; rispetto alla versione termica, Suzuki stima una riduzione del 16% nel consumo di benzina e del 15% nelle emissioni.

Suzuki Swift Sport Hybrid: i sedili sportivi

COME FUNZIONA ll sistema ibrido di Suzuki garantisce un extra di coppia in partenza e in marcia: il motore elettrico risponde tempestivamente ogni volta che si preme il pedale dell’acceleratore, eliminando i ritardi di risposta di quello termico. Il boost di coppia agisce nella parte bassa della curva di erogazione fino all’ingresso della turbina, dove cambia (letteralmente) la musica, mantenendo costante la coppia massima in accelerazione tra i 2.000 e i 3.000 giri.

TANTI AIUTI Suzuki Swift Hybrid Sport offre di serie una nutrito pacchetto di sistemi di guida autonoma di livello 2: oltre al cruise control adattivo troviamo “guardaspalle” per il monitoraggio degli angoli ciechi, “vaipure”, che avvisa dell’arrivo di altri mezzi in manovra, e “occhioallimite”, che proietta i cartelli stradali nel cruscotto; la frenata d’emergenza con riconoscimento dei pedoni si chiama “attentofrena”, mentre il dispositivo “guidadritto” serve per il mantenimento di corsia, e “restasveglio” per avvertire il conducente quando viene rilevata distrazione o sonnolenza.

Suzuki Swift Sport Hybrid: particolare anteriore

TUTTO (O QUASI) DI SERIE La Hybrid Sport monta come dotazione standard i sensori di parcheggio posteriori, i sedili sportivi riscaldabili con poggiatesta integrato, la retrocamera, i fari full LED con sensore crepuscolare e accensione automatica degli abbaglianti, ingresso senza chiave, sensore pioggia, climatizzatore automatico e sistema infotainment con schermo da 7”, navigatore, radio DAB+, Bluetooth e connettività MirrorLink, Apple CarPlay e Android Auto, retrovisori ripiegabili elettricamente e pedaliera sportiva.

QUANDO E QUANTO Swift Sport Hybrid arriverà a marzo, ma è già ordinabile da oggi presso i concessionari Suzuki, al prezzo di 23.850 euro. Fino al 30 giugno sarà possibile beneficiare dell’offerta promozionale che taglia il prezzo a 20.850 euro.
 


TAGS: festival di sanremo suzuki swift sport hybrid