Prova su strada

Citroën C1 vs Fiat Panda vs Smart forfour: facilità di parcheggio


Avatar di Andrea  Rapelli , il 27/06/15

6 anni fa - Retrocamera o sensori di parcheggio? Ecco come si vince la guerra per il posteggio

Che si tratti di C1, Panda o Forfour, poco importa: con tutte e tre potete ambire a vincere il premio “parcheggio al primo colpo”. Ma quale fa al caso vostro?

Benvenuto nello Speciale CITROËN C1 VS FIAT PANDA VS SMART FORFOUR, composto da 4 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario CITROËN C1 VS FIAT PANDA VS SMART FORFOUR qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

ONE SHOT Che si tratti di C1, Panda o Forfour, poco importa: con tutte e tre potete ambire a vincere il premio “parcheggio al primo colpo”. Perché sono piccole, maneggevoli, s'infilano in ogni più piccolo fazzoletto d'asfalto senza troppa fatica. Ciascuna, però, a suo modo, con i propri pregi e i propri difetti.

GLI OCCHI DIETRO La Citroen C1, per esempio, è quella che ha lo sterzo più pesante da girare, senza la possibilità di modificare la taratura del servo: in manovra, quindi, farete un po' più fatica rispetto alle avversarie. La visibilità, però, è buona da tutti i lati e, con le quattro ruote messe esattamente agli angoli della carrozzeria, intuire gli ingombri non è mai un problema. A proposito: i paraurti verniciati non hanno alcun riparo in plastica nera contro i piccoli urti da parcheggio. Menomale che c'è la telecamera posteriore, che si accende automaticamente quando s'innesta la retro. Ma la vera vittoria della C1 sta nella lunghezza: con 347 cm, la francesina è più corta di 3 cm della Smart e di ben 18 rispetto alla Fiat. Ciò significa una maggior probabilità di trovare il posto giusto al primo colpo.

VEDI ANCHE



CITY Pur essendo sensibilmente più grande rispetto alle avversarie, la Fiat Panda K-Way ha molte frecce al suo arco. Tanto per cominciare, la seduta bella alta e l'abitacolo squadrato, con generosi vetri piuttosto verticali, facilitano la percezione degli ingombri. E il tasto City, capace di alleggerire notevolmente il carico sullo sterzo, è una manna quando si tratta di manovrare in spazi angusti. Peccato che i sensori di parcheggio posteriori siano optional e la retrocamera non figuri nemmeno nella lista degli accessori a pagamento. Ci si può consolare con le ampie protezioni nere sui fascioni: la Panda è l'unica del gruppo ad offrire un seppur minimo riparo dai fastidiosi graffi da parcheggio.

FAI UNA GIRAVOLTA Oltre a liberare spazio per chi siede davanti, il motore posteriore della Smart forfour ha portato con sé un diametro di sterzata praticamente imbattibile, pari a 8,65 metri: girando tutto il volante, la Smartina riesce quasi a fare un giro su se stessa. Inversioni a U e parcheggi particolarmente stretti, quindi, non fanno mai paura. Nemmeno per la percezione degli ingombri della carrozzeria e per il carico volante, sempre contenuto. I sensori di parcheggio posteriori, però, sono optional e non c'è alcuna protezione per la bella vernice dei fascioni. Salire sul marciapiede per raggiungere l'agognato posteggio, infine, non sarà una passeggiata a causa dell'assetto sportivo - di serie sulla Proxy - che abbassa le sospensioni di 10 mm.


Pubblicato da Andrea Rapelli, 27/06/2015
Gallery
Citroën C1 vs Fiat Panda vs Smart forfour
Logo MotorBox