Autore:
Alessandro Codognesi

PRIMO STEP Din, don! Suonano alla porta. Chi è? Un corriere e ha un pacco indirizzato proprio a me. E che sarà mai? Ah sì, il kit estetico by Lightech che avevo richiesto per la mia Yamaha MT-07! Ho deciso infatti che il primo step di elaborazione doveva essere estetico. Un tocco di brillantina, insomma, qualcosa che rendesse la mia MT-07 più attraente. O gli orecchini su una bella donna, via. Chi se non Lightech poteva soddisfare questo mio bisogno?

TUTTO, MA PROPRIO TUTTO Il kit Lightech è quello che serve a cambiare l’impatto visivo della piccola MT-07, per rimpiazzare quelle cose che uno smanettone doc proprio non riesce a mandare giù. Ecco allora la mia lista della spesa: come vedete ho attinto a piene mani dal catalogo Lightech. Indicatori di direzione omologati a led (39,90 euro la coppia), viti motore (69 euro), carena (104 euro) e telaio (68,45 euro) in ergal, coperchi pompe freno (28 euro ciascuno), tappo dell’olio (20,30 euro) e del serbatoio, a mo’ di vite (81 euro), contrappesi manubrio (35 euro), tamponi paratelaio (62,50 euro), specchietti in alluminio (144 euro la coppia), portatarga regolabile omologato (83,50 euro) e infine leve freno e frizione “Soft touch” (169 euro la coppia). Vi risparmio la fatica, in totale ho speso 925,8 euro. Tanti, certo, ma considerate che non ho frenato in nulla la mia fantasia. Facendo un po’ di selezione si può spendere un quarto e avere comunque un ottimo risultato.

SOTTO CON LE MANI Ma tutta questa roba andrà pure montata, specie il portatarga che richiede di smontare gran parte del codone. A chi affidarsi? La risposta non ha tardato ad arrivare: ho scelto le mani esperte di Luca Carughi e della sua officina La Nuova Freccia, nei pressi di Cesano Boscone (via Milano 60). Ex pilota e manetta vera, Luca è un tipo tosto e in gamba, oltre che super efficiente nel preparare moto da corsa. La sua passione e quindi la sua mission è proprio la elaborazione ad hoc di moto da pista, perché, oltre a montarvi i componenti, ha un banco prova, dove lanciare a tutto gas la vostra creatura dopo le cure. Inoltre organizza giornate di prove libere con tanto di transponder, pista dedicata e pure massaggiotori a fine giornata. Ah, scordavo: è anche officina autorizzata Suzuki, con garanzia della Casa madre. Se avete il pallino del tempo sul giro, ora sapete a chi rivolgervi.

STAY TUNED Rimanete collegati, però, perché questo è solo l’inizio: dopo la viteria in ergal e gli altri ammenicoli, sono in arrivo altri componenti per aumentare le performance della Yamaha MT-07 e che richiederanno di nuovo gli interventi di Luca e dell'officina La Nuova Freccia. Non posso tuttavia anticiparvi nulla, l’ho promesso…


TAGS: Yamaha MT-07: il diario di Ale