Autore:
Emanuele Colombo

UNA CRESCITA RECORD Dopo che la storica testata americana Motor Trend ha eletto l'Alfa Romeo Giulia auto dell'anno, ora anche gli analisti di Bloomberg, colosso dei media, celebrano il successo della marca italiana negli USA con un titolo assai lusinghiero: “Alfa Romeo scommette forte sull'America e vince”. Merito di tutto ciò sarebbe la crescita del brand nel corso del 2017, che ha visto moltiplicare le vendite di ben 23 volte grazie alla berlina Giulia e al SUV Stelvio.

I NUMERI IN PROSPETTIVA Il tono celebrativo di Bloomberg, a ben guardare, potrebbe lasciare perplessi se consideriamo che le vendite sono passate da 528 auto nel 2016 a oltre 12.000 unità: è facile fare elevati tassi di crescita quando si parte quasi da zero. Inoltre le 2.500 Giulia vendute negli USA durante il quarto trimestre dell'anno sono ben poca cosa rispetto alle 25.600 BMW Serie 3 berlina consegnate nello stesso periodo. Penalizzata da una rete di appena 177 concessionari, pari a circa la metà di quanti ne hanno BMW e Mercedes, la quota di mercato di Alfa negli USA è stata del 2 per cento circa: livelli che la pongono in netto svantaggio, non solo rispetto alle marche tedesche, ma anche rispetto a Infiniti Q50, Lexus ES, Acura TLX e persino Hyundai Genesis G80.

HA TROVATO IL SUO PUBBLICO Non di meno, la posizione di Alfa Romeo sarebbe migliore di quanto dicono i semplici numeri. La marca italiana ha infatti conquistato un suo pubblico ben preciso e una nicchia che, probabilmente, era esattamente l'obiettivo prefissato. Lo dimostra l'esperienza della concessionaria Carlock Motor Cars a Nashville, secondo cui gli acquirenti di Giulia rifuggono gli standard: "Era un po' controintuitivo per noi", dice il direttore commerciale Mitchell Sherwood, "Sicuramente non la comprano color argento con interni neri e non cercano di mimetizzarsi". Al contrario, il cliente Alfa ama distinguersi con versioni particolari, meglio se personalizzate con pacchetti sportivi e colori brillanti: un fatto che, per le concessionarie, ha reso problematica la gestione del magazzino.

PUNTA SULL'ESCLUSIVITÀ In controtendenza rispetto a un periodo storico in cui l'industria è ipnotizzata da pacchi batterie e bozzoli da trasporto a guida autonoma, “L'appeal delle Alfa si basa su motori potenti e solida ingegneria”, scrive Bloomberg, che cita per Giulia e Stelvio gli alberi motore in fibra di carbonio e valori di potenza "best-in-class". "Vogliamo assicurarci la nostra posizione nel segmento", ha affermato Pieter Hogeveen, direttore dell'Alfa in Nord America: "Per noi non è solo questione di inseguire numeri di vendita più elevati: se Alfa Romeo riesce a convincere un pubblico sempre maggiore che è speciale, poi avrà anche lo strumento dei prezzi per ottimizzare i profitti”.


TAGS: alfa romeo alfa romeo giulia Alfa Romeo Stelvio alfa romeo vendite alfa romeo vendite usa alfa romeo vendite america mercato auto usa alfa romeo mercato auto usa