Autore:
La Redazione

VITTORIA) PER VENDETTA Con gli italiani costretti a guardare i Mondiali di calcio da spettatori per l'eliminazione della Nazionale, Corea del Sud-Svezia del prossimo 18 giugno non sarà una partita come le altre. Vedere in campo gli scandinavi al posto nostro è davvero dura da digerire: quasi quanto le polpette dell'Ikea. Dunque, volendo fare i tifosi a tutti i costi non ci resta che sperare in una vendetta trasversale: forza Corea, allora!

FORMAZIONE COMPLETA In campo per Russia 2018 c'è anche Kia, partner ufficiale dell'evento e della UEFA. Ci arriva in forze: mai come oggi, infatti, la gamma della casa coreana si presenta completa in tutti i reparti, dalle utilitarie alle granturismo, passando per SUV di tutte le taglie, berline e wagon affidabili, modelli ibridi ed elettrici (clicca i link per leggere le nostre prove). E noi, che parliamo di auto ma viviamo in un paese di calciofili, dove in tempi di Mondiali gli abitanti si trasformano in 60 milioni di commissari tecnici, ci permettiamo di suggerire la formazione. Sempre perché Corea-Svezia è anche un po' affare nostro.

PORTIERE Tanto per cominciare, chi va in porta? Il più alto, ovviamente, che poi di solito è anche il più grosso. Il SUV Kia Sorento ci sembra perfetto per riempire lo spazio tra i pali con i suoi 480 cm di lunghezza per 189 di larghezza per 169 di altezza. Abbastanza per offrire sette posti a bordo oppure un bagagliaio di 605 litri alle famiglie più numerose.

TERZINI Difesa: punteremmo su una linea a quattro all'italiana. Partendo con la giovane crossover Stonic da terzino destro di spinta, soprattutto se sotto il cofano c'è il motore 1.0 turbo benzina da 120 cavalli, piuttosto brillante in accelerazione. Stesso ruolo, ma sulla fascia opposta per la Kia Rio. Una compatta perfetta per fare la doppia fase del gioco: può essere parca nei consumi in versione a gasolio e scattante nelle ripartenze con il tre cilndri turbo da 100 cavalli.  

CENTRALI Al centro servono un po' di presenza, affidabilità e versatilità. Per questo abbiamo scelto la Kia Optima Sportswagon, una station di quasi 4,9 metri pronta a mettersi di traverso tra l'attaccante e la propria porta: volendo, anche spinta dall'elettrico nella versione ibrida plug-in. Al suo fianco schieriamo la Carens, collaudata monovolume che, malgrado gli ingombri compatti (453x181x161 cm) sa gestire gli spazi in maniera intelligente, mettendo a sedere cinque o sette passeggeri, a seconda delle esigenze. Ma senza farsi mettere a sedere dalle finte dell'avversario.

 


TAGS: kia carens kia sorento kia kia optima sw kia stonic russia 2018 mondiali 2018 mia rio kia russia 2018