Autore:
Emanuele Colombo

SHOW CAR Guida da sola, va a prendere i passeggeri direttamente nel luogo richiesto e propone un trasporto pubblico locale tutto nuovo: efficiente e personalizzato. Parliamo della Smart Vision EQ Fortwo, una concept elettrica a guida autonoma che debutta in questi giorni al Salone di Francoforte 2017, strizza l'occhio al car sharing e ha molto da dire su come potremmo ripensare i nostri spostamenti in città. Volante e pedali non ne ha, ma incarna i quattro elementi che il costruttore tedesco ritiene chiave della mobilità del futuro: collegamento in rete (Connected), guida autonoma (Autonomous), utilizzo flessibile (Shared & Services) e trazioni elettriche (Electric). Insomma, CASE, per dirla con una parola sola.

SEMPRE IN MOVIMENTO “Smart Vision EQ Fortwo è la nostra visione della mobilità urbana del futuro e rappresenta il prototipo per il car sharing più radicale in assoluto”, dice Annette Winkler, responsabile mondo di Smart. L'auto non deve essere ritirata né restituita in stazioni fisse, bensì può essere presa a noleggio e riconsegnata ovunque nel territorio coperto dal servizio. E non sono gli utenti a dover cercare la prima che si libera: ci pensa l'intelligenza collettiva di un sistema di gestione a cui tutte le auto sono connesse a prevedere i bisogni degli utenti e a farli andare a prendere direttamente nel luogo desiderato. I veicoli collegati tra loro sono sempre in movimento per aumentare il rendimento e diminuire, nel contempo, il volume del traffico e le aree di parcheggio necessarie (a danno, però, dei consumi di energia).

LA CARROZZERIA È TUTTA UN DISPLAY Smart Vision EQ Fortwo viene chiamata tramite un dispositivo mobile e l'utilizzatore riconosce la vettura a lui destinata grazie al Black Panel (un display da 44 pollici nel frontale), che può mostrare messaggi dedicati, avvisi per gli altri utenti della strada oppure avvertire se l'auto è già occupata. I display a Led al posto dei fari possono assumere forme simili a occhi, attraverso le quali la vettura può suggerire maggiore empatia, e le luci posteriori possono visualizzare avvertimenti relativi al traffico. Le portiere sono rivestite da una pellicola che Smart definisce “commutabile”: possono visualizzare informazioni su eventi locali e svolgere quindi la funzione di cartelloni pubblicitari. Oppure possono mostrare informazioni meteo, news oppure l'ora.

SEMPRE PIÙ CONDIVISA Altra funzione prevista è Sharing 1+1, che permette di trovare compagni di viaggio. Quando si viaggia in due, l'ampio display dell'abitacolo può visualizzare contenuti di interesse comune, come gli ultimi concerti ai quali i viaggiatori hanno assistito oppure gli sport praticati (Smart non specifica come l'auto sia messa a conoscenza di queste informazioni). Smart Vision EQ Fortwo ha batterie agli ioni di litio da 30 kWh e quando non è in uso, raggiunge autonomamente una stazione di ricarica per fare rifornimento di energia. In alternativa le auto possono cedere alla rete elettrica l'energia immagazzinata quando risulta opportuno, attraverso un sistema di carica/scarica wireless, per una gestione più efficiente del sistema energetico collettivo. Fantascienza? Senza dubbio, ma mai come in questo periodo l'industria dell'auto sente il bisogno di guardare lontano.


TAGS: concept car prototipo emissioni zero auto elettrica mobilità elettrica show car car sharing guida autonoma auto connessa mobilità sostenibile salone di francoforte 2017 mobilità del futuro smart francoforte 2017 smart vision eq fortwo