prova su strada
Mercedes-AMG GT C Roadster: cabrio brutale e confortevole
1 20 0
Autore:
Marco Congiu

QUALCOSA DI PIÙ La Mercedes-AMG GT C Roadster è una delle ultime nate tra la casa di Stoccarda in collaborazione con il marchio di Affalterbach. Rispetto alle AMG GT e GT S standard, si differenzia per alcune piccole ma interessanti caratteristiche. E per "interessanti" intendo "spettacolari". Ma andiamo con ordine.

LOOK: PER CHI SA OSARE La Mercedes-AMG GT C Roadster è senza ombra di dubbio una vettura che nasce con pochi compromessi. Realizzata sul medesimo scheletro in alluminio che ha debuttato con la GT nel 2014, nella sua variante più performante a cielo aperto acquista un aspetto decisamente più sexy e interessante. La capote in tela - ordinabile a scelta nelle tinte mero, beige e rosso - regala quel tocco di stile che solo questo particolare sa offrire su un'automobile, di qualsiasi tipo si tratti. Chiaro che, quando a montarla è una supercar, la questione migliora notevolmente. I fari anteriori si producono in una firma unica, mentre la controparte posteriore è affilata il tanto che basta, richiamando da vicino un altro mostro sacro del marchio, la Mercedes-Benz SLR McLaren di inizio 2000. I cerchi sono quasi delle opere d'arte: al posteriore sono da 20", mentre quelli anteriori - da appena 19" - lasciano intravedere dischi dei freni da 390 mm.

INTERNI: SPORTIVITÁ IN SALSA TEDESCA La Mercedes-AMG GT C Roadster non è per nulla una supercar dura e pura, per quanto riguarda gli interni, anzi: nulla di più distante. La GT C, infatti, è davvero ricca e ben rifinita sotto ogni aspetto: la pelle fa la parte del leone, andando a ricoprire le sellerie e la plancia. Il volante multifunzione è rivestito in Dinamica, materiale simil-camoscio prodotto dalla friulana Miko che fa il verso alle auto da corsa, per accentuare ulteriormente la dichiarata sportività della supercar di Stoccarda. Il sistema di infotainment è il canonico Comand online, il che vuol dire display quasi "appoggiato" sulla plancia e comandi "mouserotellosi" sul tunnel centrale. Tunnel centrale, poi, che si arricchisce sensibilmente grazie alla presenza di numerosi tasti fisici dai quali andare a comandare il comportamento dinamico della GT C Roadster, l'apertura degli scarichi e la rigidità delle sospensioni. Il bagagliaio, infine, è di 165 litri, il che significa che un trolley e uno zaino trovano spazio, anche se dovrete forzarli un po'. Per un week-end , basta e avanza, ma non pretendete di caricarci la spesa.

PROVARE SUBITO! Sento un collega che ha già avviato il motore della "sua" Mercedes-AMG GT C Roadster. Il sound è un qualcosa di entusiasmante, anche se si trova parecchio lontano da me. Non resisto: recupero al volo il mazzo di chiavi e si parte!

CHE LIBIDINE Ve lo dico subito: salire su un'auto che ha il fondo-scala del tachimetro a 360 km/h, non è una cosa che capita tutti i giorni, nonostante si faccia questo lavoro. La sensazione di agio e feeling diretto che regala la Mercedes-AMG GT C Roadster sin dai primissimi km è un qualcosa di emozionante e che in poche altre occasioni devo ammettere mi sia capitato. Merito, oltre che di uno sterzo particolarmente preciso, anche dell'asse posteriore sterzante, derivato direttamente dalla street legal Mercedes-AMG GT R, la bestia dell'Inferno Verde capace di un tempo di 7'10''920 sulla leggendaria Nurburgring Nordschleife. Cosa vuol dire, questo, nella guida di tutti i giorni? Che non mi devo più di tanto preoccupare degli ingombri di una supercar lunga 4,54 metri e larga 1,94 anche quando sto facendo un tornante stretto o manovra nel parcheggio di un supermercato. Come si traduce, invece, nella guida in pista? Semplicemente, posso prendere le curve a una velocità difficilmente avvicinabile prima, ed uscire come una vera palla di cannone.

IL MOTORE: UN GIOIELLO Il V8 biturbo da 4.0 litri è il cuore della Mercedes AMG GT C Roadster. La potenza, in questa declinazione, è stata portata ben 557 CV e 680 Nm di coppia massima. Con questi valori, la Mercedes-AMG GT C roadster brucia lo scatto da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi, prima di toccare la velocità massima di 316 km/h. Il tutto - ed è questo il bello - senza annoiare con un sound strozzato e sibilante tipico dei motori turbo - alcuni, spiace dirlo, anche della concorrenza. La GT C Roadster è una vera e propria cannoniera, quasi un incrociatore della Prima Guerra Mondiale, pronta ad esplodere in propri colpi migliori in un crescendo esaltante. E poi, non ve lo nascondo, quando si affronta una galleria o un sottopasso, la tentazione di "aprire tutto" è ampiamente ripagata. Il cambio Speedshift doppia frizione a 7 rapporti si dimostra un'unità molto intelligente: capisce bene quando è il caso di allungare la marcia ai bassi regimi e, ovviamente, anche il contrario quando affondiamo il piede destro sul pedale del gas. Quando vogliamo divertirci, poi, non dobbiamo far altro che utilizzare i paddle in alluminio montati solidali al volante: vuoi mettere che goduria gli scoppi quando cambiamo marcia?

LE DIVERSE ANIME La Mercedes-AMG GT C è dotata del canonico selettore della modalità di guida regolabile su cinque diverse modalità: Comfort, Sport, Sport+, Race e Individual. Se, in confort, ci si dimentica quasi di essere alla guida di una supercar da quasi 600 CV e da oltre 300 km/h di velocità per la morbidezza dell'assetto e la pacatezza del motore, il discorso cambia quando ci spostiamo sulle altre opzioni. L'assetto si fa più rigido, gli scarichi si aprono, lo sterzo diventa più diretto e - occhio! - vengono gradualmente eliminati i vari controlli elettronici. Il che, su un'auto dal peso di quasi 1.700 kg, può non essere necessariamente un bene per i guidatori meno esperti e che si lasciano prendere dall'emozione. 

SPORTIVA A CIELO APERTO Sono poche le auto capaci di affascinare come una spyder, e la Mercedes-AMG GT C Roadster non fa certo eccezione da questo punto di vista. La capote in tela si aziona elettricamente sino ad un massimo di 50 km/h: quando è alzata, l'insonorizzazione e la protezione è assicurata sia dal sole che dalla pioggia, mentre quando è abbassata, la godibilità complessiva si impenna. I fruscii che entrano nell'abitacolo, nonostante io sia alto più di un metro e novanta, sono praticamente ridotti al minimo, segno della cura e dell'attenzione dei progettisti a lasciar godere la conversazione agli occupanti.

LA COMPREREI? La Mercedes-AMG GT C Roadster è un'auto che va a scontrarsi con dei mostri sacri del segmento, dalla Porsche 911 GTS alla Ferrari 488 GTB, passando per la McLaren 570S e la Lamborghini Huracan. È una vettura che senza ombra di dubbio si fa apprezzare, nonostante chi l'acquisti debba mettere in cantiere vsite frequenti dal benzinaio - i consumi dichiarati dal computer di bordo si attestavano sui 12 l/100 km. Il prezzo di partenza si attesta sui 161.300 euro, ma ci vuole poco a fargli superare i 200.000 euro installando i vari optional. Sono quasi 100 gli italiani che hanno scelto questa supercar da inizio anno, ci comunicano dalla casa, e - posso garantirvelo - se non avessi problemi di budget sarei molto probabilmente tra di loro. Per aiutare noi comuni mortali, tuttavia, Mercedes ha deciso di ampliare l'offerta di noleggio a lungo termine anche per la gamma AMG. Allora, cosa aspettate? Ah, già, che tolgano finalmente il superbollo... 


TAGS: mercedes Mercedes-AMG Mercedes-AMG GT C Roadster Mercedes AMG GT C Roadster

Modello / Versione MY Potenza Prezzo
Mercedes-Benz AMG GT AMG GT MY 2014 462 Cv / 340 Kw 125.200 €
Mercedes-Benz AMG GT AMG GT S MY 2014 510 Cv / 375 Kw 144.800 €
novità
Aston Martin DB11 V8: eccola con il motore Mercedes-AMG

Rivoluzione per l'Aston Martin DB11: monta lo stesso V8 della AMG GT

6 0
Anniversari
AMG festeggia i primi 50 anni di vita
AMG festeggia i suoi primi 50 anni

Mezzo secolo fa nasceva AMG, prima semplice preparatore di motori e ora pedina fondamentale nello scacchiere Mercedes

54 0
Back To Top