TAXI A GUIDA AUTONOMA Partirà a dicembre 2018, secondo le indiscrezioni raccolte da Bloomberg, il servizio di taxi a guida autonoma messi a punto da Waymo, lo spin off di Google. Ma come Google aveva scollegato il proprio brand da Waymo, così quest'ultima sceglierà un nuovo nome – per ora segretissimo – per lanciare e gestire i suoi taxi a guida autonoma, che sfideranno quelli di Uber e Lyft.

PER POCHI L'avvio del servizio pubblico di Waymo/Google sarà un passo importante per la guida autonoma, ma non un punto di svolta. Non si tratterà, infatti, di un lancio su vasta scala, ma una sorta di sperimentazione semi-pubblica per una dozzina – o al più un centinaio – di utenti autorizzati. E coprirà in un'area di appena un centinaio di miglia quadrate (160 km) attorno a Phoenix, in Arizona.

TRAVASO DI COMPETENZE Per effetture delle comparazioni, sembra che i primi clienti del nuovo servizio verranno selezionati tra i 400 volontari che già prendono parte alla sperimentazione del Waymo Early Rider Program. Google sviluppa la guida autonoma da un decennio ed è leader nel settore inseguita da GM, che tuttavia sarebbe almeno un anno indietro nello sviluppo, dice Nick Albanese, analista di Bloomberg.

GM ARRIVERÀ NEL 2019 Quello dei taxi robot sarà un primo passo verso l'applicazione della guida autonoma ad altri servizi, ma nel frattempo altre aziende dovrebbero lanciare operazioni simili, con GM capofila che dovrebbe debuttare nella seconda metà del 2019. All'inizio, sui taxi di Waymo ci saranno assistenti in carne e ossa che aiuteranno i nuovi utenti a familiarizzare con la tecnologia e potranno prendere il controllo se necessario.

AUTO E TARIFFE I veicoli saranno inizialmente delle monovolume Chrysler Pacifica appositamente attrezzate, alle quali si aggiungerà una flotta di SUV elettrici Jaguar I-Pace. Al lancio, le tariffe saranno tarate per competere con le offerte di uber e Lyft, ma i prezzi dovrebbero scendere una volta che gli assistenti in carne e ossa si renderanno superflui e sarà approntato un servizio a pagamento per l'intrattenimento e la trasmissione di messaggi pubblicitari a bordo dei veicoli.


TAGS: taxi google guida autonoma waymo