Autore:
Lorenzo Centenari

GUIDO O MI LASCIO GUIDARE? Per chi abita in una metropoli, negli Stati Uniti così come in Europa o in Asia, l'acquisto dell'auto è sempre più in competizione con alternative più flessibili e moderne. D'altronde, quando hai a portata di mano servizi di car sharing, car pooling, soprattutto applicazioni di ride hailing come Uber e Lyft, perché investire risorse in un veicolo di proprietà? Sotto il profilo economico, non c'è nemmeno paragone. Vero, a meno che...

DEPENDE, DE QUÉ DEPENDE Già, a meno che non si utilizzi l'auto molto spesso. Caso in cui possedere una macchina propria resta a quanto pare la soluzione più saggia. A dimostrarlo è uno studio della statunitense AAA Foundation for Traffic Safety: incrociando le statistiche di percorrenza media degli abitanti dei centri urbani (17.446 km all'anno) con le tariffe medie praticate dagli autisti Uber/Lyft, l'associazione calcola una spesa annua di 20.118 dollari (17.382 euro). Una somma più che doppia, cioè, rispetto a quella che grava sugli automobilisti tradizionali.

SOLO PER CHI VIAGGIA POCO Guidare il proprio pick-up anziché chiedere un passaggio a un taxi Uber o a un utente Lyft verrebbe a costare in media non più di 7,321 dollari l'anno (6.325 euro), spesa alla quale andrebbero poi aggiunti i ticket per il parcheggio, voce che comunque non incide che per 2.728 dollari (2.357 euro). Insomma, forme di mobilità che escludano l'auto di proprietà convengono solo in caso di percorrenze minime. Diversamente, l'acquisto di un veicolo resta l'opzione più "cheap".

LUNGA VITA ALL'AUTO PROPRIA Le proporzioni variano ovviamente da città a città. A Dallas, un anno intero di ride hailing costa al cittadino 16.944 dollari, al contrario a Boston il tassametro schizza fino a quota 27.450 $. Idem i parcheggi: un newyorkese arriva a scucire fino a 6.266 euro l'anno solo per ricoverare l'auto. Da nessuna parte la bilancia pende tuttavia a favore del fenomeno dei taxi privati. Nemmeno includendo le spese di rifornimento, assicurazione e manutenzione del veicolo di proprietà. Come dimostra la matematica, una "commodity" dura a morire.


TAGS: uber Lyft mobilità del futuro Auto di proprietà costi ride hailing