AL LAVORO Stile, connettività e soluzioni su misura sono le tre parole d’ordine che hanno ispirato il rinnovamento di Renault Master e Renault Trafic. Fin dal loro lancio avvenuto nel lontano 1980, i due furgoni transalpini, nell’arco di più di trent’anni, hanno fatto registrare vendite record nel Vecchio Continente, con un totale di 4 milioni di unità immatricolate.

PARTNERSHIP CON NISSAN E MITSUBISHI Le nuove versioni di Master e Trafic sono state presentate nell’aprile 2019, con novità interessanti per quanto riguarda dotazioni e configurazioni. Si fa dunque sempre più vicino l’arrivo nei concessionari, con l’inizio della commercializzazione prevista per il settembre 2019. L’obiettivo dichiarato da Renault è quello di sfruttare la partnership con Nissan e Mitsubishi, per rafforzare la leadership in Europa, consolidando nel frattempo la propria posizione in Estremo Oriente. I prezzi per il telaio di Renault Master partono da 31.720 euro (iva inclusa), mentre Renault Trafic di listino costa 30.537 euro (iva inclusa).

RENAULT MASTER Renault Master 2019 presenta tre diverse configurazioni in altezza e quattro in lunghezza, senza contare la versione furgone, doppia cabina e furgone cassonato. Prevede diverse novità estetiche e sostanziosi cambiamenti sotto il cofano. Il frontale ridisegnato si arricchisce con una nuova griglia cromata a forma di manubrio e con nuovi gruppi ottici LED, che rievocano la firma luminosa C-Shape derivata delle vetture del Marchio Renault. Osservando il nuovo Renault Master, prodotto nello stabilimento di Batilly, si ha la sensazione di essere di fronte a un furgone solido e robusto, grazie al cofano motore rialzato, ai paraurti e parafanghi rinforzati e ai volumi di carico generosi.

SPAZI GENEROSI Tanto lo spazio a disposizione con una capacità complessiva nel vano posteriore che oscilla tra un minimo di 8 m³ e un massimo di 22 m³, per un totale di carico consentito che raggiunge le 4,5 tonnellate. A muovere il nuovo Master, il propulsore 2.3 litri dCi twin turbo a gasolio, da 180 CV e 400 Nm di coppia, disponibile sia in abbinamento con la trazione anteriore sia posteriore. Il cambio è manuale a 6 rapporti, tuttavia su richiesta si può avere il robotizzato a 6 marce. Fa la sua comparsa su Renault Master Z.E., la versione elettrica del furgone, un’unità motrice alimentata da una batteria da 33 kWh con una potenza di 76 CV e un’autonomia complessiva di 120 km.

RENAULT TRAFIC Anche Renault Trafic si aggiorna. L’abitacolo guadagna dettagli ricercati come le cromature satinate, il cambio in pelle e le nuove sellerie. Tanta la connettività di bordo, con il display multitouch perfettamente integrato con le ultime versioni di Apple CarPlay e Android Auto e l’innovativa radio 1DIN con microfono incorporato: per una miglior resa nelle chiamate in vivavoce. Renault Trafic è disponibile in 3 diverse configurazioni: Combi, Bus e Space Class per un totale di ben 275 versioni disponibili.

SI LAVORA IN SICUREZZA La zona di carico sfrutta appieno i 4,15 m di lunghezza del Trafic, per una capienza complessiva che si attesta fra i 3,2 m³ e gli 8,6 m³. Il vano posteriore è inoltre rivestito in Polipropilene, che ne facilita la pulizia, mentre i portelloni in coda sono dotati di una serratura rinforzata ribattezzata Extra Security Lock. La tecnologia a bordo del nuovo Trafic prevede i sistemi di ausilio alla guida come il Park Assist, il Wide View Mirror e il Trailer Swing Assist (che mantiene stabile il rimorchio). Il furgone è spinto da un motore 2.0 litri dCi da 170 CV e 380 Nm di coppia massima che sfrutta le nuove soluzioni studiate da Renault per abbattere i consumi, con un risparmio stimato dalla Casa francese di 0,6 litri di gasolio ogni 100 km.


TAGS: renault Renault Master 2019 Renault veicoli commerciali 2019