Logo MotorBox
Prova Video

QJ Motor SRV 300S: sogni in grande, spendendo poco. La prova video


Avatar di Danilo Chissalé , il 13/05/24

1 settimana fa - QJ Motor SRV 300S è una custom davvero ben fatta e divertente da guidare

QJ Motor SRV 300S è una custom davvero ben fatta e divertente da guidare

Il segmento custom-cruiser di piccola e media cilindrata si sta ritagliando sempre più spazio nel mercato italiano, basti pensare al successo riscosso dalla piccola Meteor 350 di R.E. (qui la prova) e alle nuove proposte che si stanno affacciando sul mercato – come la Eliminator di Kawasaki o la Calibro di Moto Morini – che vogliono sfruttare la scia alla ricerca di nuovi (o vecchi) motociclisti. Tra queste c’è anche la QJ Motor SRV300S, una piccola custom che ha tutte le carte in regola per ritagliarsi il suo posto al sole. L’ho messa alla prova per scoprirne pregi e difetti, ora vi racconto tutto.

COM’È FATTA

La piccola QJ Motor SRV300S mi ha colpito fin dal primo sguardo, con le dovute proporzioni – e senza offendere nessuno – sembra quasi una Sportster in miniatura. Il design è autentico, magari non originale, ma i canoni stilistici del segmento non lasciano troppo spazio alla fantasia: serbatoio a goccia, faro tondo a LED con DRL, doppio scarico e doppio ammortizzatore posteriore. In realtà qualche nota caratteristica la SRV300 se la concede, come la strumentazione LCD flottante agganciata al manubrio o la luce di coda a LED posta in verticale. A reggerle il gioco ci pensa anche la verniciatura arancio metallizzato (colore H-D, sarà un caso?) davvero ben fatta mentre se volessi muoverle una critica trovo poco personali i blocchetti elettrici, visti e rivisti su tutte le proposte cinesi che si stanno affacciando sul nostro mercato e poco in linea con lo stile della moto.

V IMMANCABILE Il punto forte della QJ Motor SRV300S è il suo motore, non tanto per le sue performance – ben lontane da quelle da brivido che ho recentemente vissuto sulla Triumph Rocket 3 – ma per l’unicità (o quasi) del suo motore. La custom cinese è spinta da un piccolo ma caratteristico bicilindrico a V da 296 cc, per 31 CV a 9.000 giri/min e 26 Nm a 5.000 giri/min, abbinato ad un cambio a 6 rapporti. A tenere bassa la temperatura d’esercizio del motore ci pensa il sistema di raffreddamento a liquido, sapientemente nascosto tra le travi discendenti del telaio tubolare in acciaio, soluzione utilizzata anche da Triumph sulla sua gamma Bonneville.

QJ SRV 300S 2024, linee da custom autentica QJ SRV 300S 2024, linee da custom autentica

SECONDO I CANONI La forcella a steli rovesciati da 41 mm rende più muscoloso l’aspetto della SRV300, come è lecito aspettarsi non è regolabile mentre lo sono nel precarico molla i due ammortizzatori posteriori da 50 mm di escursione utile, un po’ pochino per le nostre strade ma è un dato allineato al segmento. Compatta nelle dimensioni, la custom QJ potrà essere una valida alleata per motocicliste e motociclisti di taglia small, anzi extra small, perché la sella si trova a soli 700 mm di distanza dal terreno e il peso da gestire è davvero piuma: 164 kg in ordine di marcia, ovvero con il 90% di benzina all’interno del serbatoio da 13,5 litri di capacità. Con un peso tutto sommato contenuto da arginare, l’impianto frenante è ben strutturato, con un disco da 298 mm morso da una pinza assiale a doppio pistoncino all’anteriore e disco da 240 mm con pinza mono pistoncino al posteriore. Canonica anche la misura dei cerchi in lega d’alluminio, 16 pollici davanti e 15 dietro, calzati da pneumatici CST.

VEDI ANCHE



SEMPLICE In un mondo sempre più connesso, anche tra le motociclette, quasi sorprende che sulla QJ Motor SRV300S non vi sia possibilità di collegare lo smartphone allo strumento LCD, ma a dirla tutta non ne ho sentito la mancanza e, anzi, questo aiuta a tenere ancora più competitivo il prezzo, di per sé già molto allettante. La SRV è una moto semplice, niente ride by wire, mappature o controlli di trazione, oltre all’ABS Bosch è presente una presa USB utile alla ricarica del proprio telefono o del navigatore.

COME VA

Fatti gli onori di casa, passiamo alla parte più succosa ovvero come si comporta su strada questa piccola “Sportster wanna be”. Sceso in sella – termine più che corretto dato che la seduta è ben più bassa del mio cavallo – trovo la tipica posizione da cruiser: pedane avanzate, seduta incassata ma il manubrio alto e protesto verso il busto mi fa tenere ben dritta la schiena, chi ha braccia corte apprezzerà questa scelta di QJ, così come la possibilità di regolare la distanza dal manubrio per la leva del freno anteriore. Scongiurato qualsiasi problema di raggiungimento del terreno con le piante dei piedi (dal mio 1,74 m di altezza avevo addirittura le gambe flesse), il secondo tema da affrontare è la gestione del veicolo a bassa velocità. Il dato dichiarato del peso sembrerebbe essere veritiero, fa quasi strano essere in sella ad una custom e avvertire una piacevole sensazione di leggerezza e maneggevolezza - per fare un paragone, Rebel e Meteor 350 sono più pesanti quasi di 30 kg – accentuato anche dal buon angolo di sterzo. Si manovra in un fazzoletto e senza fatica.

CITTADINA PROVETTA La mia prova è avvenuta sulle dolci colline tra pavese e piacentino, ma sono convinto che se anche si fosse svolta nel traffico dell’ora di punta di Milano il mio sorriso non sarebbe svanito: la QJ SRV300S è agile e maneggevole, scatta pronta al rilascio della frizione e riuscirebbe a passare senza fatica tra le colonne di auto in coda. Dossi e pavé da queste parti non sono di casa, ma buche e avvallamenti non mancano di certo, qui è emerso un limite tutto sommato prevedibile per la 300, ovvero la scarsa capacità d’assorbimento delle sue sospensioni. A soffrire non sono tanto i polsi – privi di carico e protetti da una forcella che fa il suo dovere – bensì il fondoschiena, messo a dura prova dagli ammortizzatori che il miracolo proprio non riescono a farlo.

QJ SRV 300S 2024, alla guida è facile e maneggevole QJ SRV 300S 2024, alla guida è facile e maneggevole

PICCOLA CILINDRATA, TANTO CARATTERE Non vi nego che ero molto curioso di provare la 300 S per capire che sensazioni riesce a dare un bicilindrico a V di piccola cilindrata. Piccolo sì, ma generoso e ricco di carattere. Con i motori paralleli frontemarcia tanti costruttori cercano di ricreare sound e qualità d’erogazione dei motori a V e un perché ci sarà. Anche quello che spinge la custom QJ ha il suo fascino, bello vispo, dal sound coinvolgente e – con le dovute proporzioni – performante, aiutato anche dalla rapportatura corta. Con poca coppia a disposizione bisogna usare spesso il cambio ma non è un problema, perché è preciso e rapido negli innesti. Sulle strade extra urbane più o meno tortuose e in città ha le caratteristiche giuste, per i viaggi autostradali la velocità massima di “soli” 130 km/h potrebbe essere un problema per i sorpassi, ma in autostrada vorrete starci il meno possibile, sia per il riparo aerodinamico nullo, sia per le vibrazioni che si intensificano con l’aumentare dei giri.

BELLA DA GUIDARE Meglio dunque percorrere le strade secondarie, dove apprezzare anche le valide qualità dinamiche della SRV 300S. Grazie all’interasse contenuto, al peso piuma e alla ciclistica ben pensata, tra le curve il piacere di guida non manca mai, anzi. É agile, svleta e non mette mai in difficoltà nel lento, rimanendo ben stabile anche sul veloce… ovviamente finché l’asfalto è in buone condizioni e le pedane non grattano l’asfalto, luce a terra migliorabile rimuovendo (o limando a suon di pieghe) i piolini. L’impianto frenante è ciò che ho trovato leggermente al di sotto delle aspettative, il posteriore è adeguato a peso e prestazioni, l’anteriore invece necessita un po’ troppa energia alla leva per fare decelerare la moto.

PREZZO E SCHEDA TECNICA

QJ SRV 300S 2024, costa meno di uno scooter 125 ''blasonato'' QJ SRV 300S 2024, costa meno di uno scooter 125 ''blasonato''

Meno sorpendente, ma non per questo meno degno di nota, è che la QJ SRV 300S viene proposta al prezzo di una moto 125 “premium” o poco più, altro che svenarsi per avere la custom: 4.870 euro. Fossi in QJ penserei ad affiancarle una versione più turistica, magari dotata di parabrezza, una borsa laterale (anche morbida) e una sella passeggero degna di questo nome, così da andare ad ampliare le possibilità d’uso.

QJ MOTOR SRV 300S
Motore Bicilindrico a V, Euro 5
Cilindrata 296 cc
Potenza 31 CV a 9.000 giri/min
Coppia 26 Nm a 5.000 giri/min
Peso 164 kg odm
Prezzo 4.870 euro

Pubblicato da Danilo Chissalè, 13/05/2024
Gallery
Listino QJ Motor SRV
Allestimento CV / Kw Prezzo
SRV SRV 125 15 / 11 2.990 €
SRV SRV 300 37 / 22 4.870 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della QJ Motor SRV visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni QJ Motor SRV
Logo QJ Motor
QJ Motor
Vedi anche