Video

Fantic Caballero 500: la prova video della gamma 2021


Avatar di Giorgio Sala , il 12/04/21

7 mesi fa - Fantic Caballero 500 2021: la prova di tutta la gamma Euro5

Rally, Deluxe, Scrambler, Anniversary, Flat Track. Il Fantic Caballero 500 Euro5 l'abbiamo provate in tutte le versioni: ecco come vanno

Ci avete mai fatto caso che le moto hanno tutti nomi al femminile? Beh, quasi tutte, pechè ci sono due eccezioni a questa regola. Uno è arrivato negli anni ’90 sotto il nome di Ducati Monster, l’altro è stato il primo ad avere una voce fuori dal coro: il Fantic Caballero. Una moto che, negli anni ’70, è diventato un vero e proprio fenomeno culturale. 50 anni dopo, il Fantic è ancora qui con il suo Caballero. Tanto è cambiato da allora, ma lo spirito resta sempre lo stesso.

Il Caballero 500 è la moto con cui Fantic festeggia i 50 anni di questo nome ormai diventato leggendario. Con l’Euro5, invece, viene confermata la stessa formula di successo ma in 5 declinazioni: Scrambler, Deluxe, Anniversary, Rally e Flat Track. Abbiamo svolto un’attività specifica per mettere in risalto le caratteristiche principali di ciascun allestimento. Strada, fuoristrada, sabbia, contest fotografici e... un quiz! Siete pronti? Si parte!

FANTIC CABALLERO 500 SCRAMBLER 2021 - IL QUIZ SULLA STORIA

La versione più classica del ricettario Caballero, la Scrambler, è anche la più venduta. Il prezzo competitivo (6.690 euro) e lo stile inconfondibile sono i principali fattori di una formula di successo che, però, poggia le basi su una buona qualità dei materiali e una ciclistica di rispetto. La Scrambler ama l’asfalto tanto quanto il fuoristrada grazie agli pneumatici Pirelli Scorpion Rally STR da 110/80 19” davanti e 140/80 17” dietro. La forcella è caratterizzata da steli da 41 mm e la sella è alta 820 mm da terra.

Non sarà evocativa come la Anniversary, ma la Scrambler con il serbatoio da 12 litri colorato di rosso è facilmente riconoscibile anche a chilometri di distanza. È da lei che è ripartita Fantic, ed è lei che si fa carico di una storia iniziata nel 1968 da Mario Agrati ed Henry Keppel. Un ripasso di storia è stato necessario perché, la prova su strada, è stata intervallata da un quiz a risposta multipla sul passato e sul presente di Fantic e di Caballero.

Terminato l’esame (voto: 10/10) si ritorna in sella dove mi faccio cullare dalle curve infinite dell’entroterra Toscano. Su strada ho apprezzato la scelta degli pneumatici Pirelli Scorpion Rally STR, ma anche la taratura delle sospensioni: sono abbastanza sostenute quando si alza il ritmo, ma abbastanza morbide da copiare efficacemente la conformazione dell’asfalto. Inoltre, la frenata è modulabile ma, se si è un po’ troppo aggressivi, l’ABS potrebbe risultare leggermente invasivo. Se volete, quest’ultimo è disinseribile con l’apposito tasto sul blocchetto di destra. Potrebbe tornarci utile più avanti…

FANTIC CABALLERO 500 DELUXE 2021 – IL CONTEST FOTOGRAFICO

Dopo la classica Scrambler, è tempo della più elegante Deluxe. Dal punto di vista tecnico, questo allestimento di Caballero non presenta alcune differenze rispetto alla “sorella rossa”: stesse sospensioni, stessi freni, stesso motore, ma lo stile è leggermente rivisto. La Deluxe – disponibile a 6.890 euro – si presenta con una colorazione grigio pastello accompagnata dalla sella, dal traversino del manubrio e dalle manopole color cuoio.

Lo stile moderno di questa Classic è stata la chiave di lettura per il secondo evento della giornata. L’obiettivo: 10 minuti di tempo per scoprire le vie di Rivalto, una frazione di Chianni (PI) che conta meno di 100 abitanti. Per destreggiarmi tra gli stretti vicoli e nelle ripide salite, il Caballero non ha battuto ciglio. Il peso contenuto a circa 160 kg in ordine di marcia (150 kg a secco), il buon raggio di sterzo e un’altezza della sella non esagerata sono fattori chiave quando si parla di maneggevolezza. Inoltre, il comando della frizione non è eccessivamente contrastato, ed è molto intuitivo allo stacco. La mia ricerca della location perfetta è culminata in un piccolo tunnel in salita, completamente buio, che sbucava su una delle tante piazzette del borgo. Il risultato, lo trovate qui sotto.

VEDI ANCHE



Anche in sella alla Deluxe, affronto una serie infinita di curve e il Caballero 500 si conferma molto divertente nel guidato. Il modello in prova era equipaggiato con il doppio scarico Arrow del catalogo di optional, che incupisce ancora di più il già (bellissimo) sound del mono. Tra una curva e l’altra il motore convince per l’erogazione fluida ai bassi regimi, per la buona coppia ai medi e per un discreto allungo.  Ovviamente non è un mostro di potenza, ma i suoi 41 CV si sentono tutti e il suo carattere brioso non mi fa desiderare maggior potenza. In realtà, questa è un'ottima notizia per chi ha la patente A2 e cerca una moto molto equilibrata. Il comfort? Il turismo a corto raggio è alla sua portata, grazie a una sella più comoda di prima e una triangolazione pedane-sella-manubrio più comfortevole. Per il medio/lungo raggio, non sarete mai soli, ma accompagnati dalle vibrazioni del motore che, all'inizio, coinvolgono. Ma dopo qualche centinaio di chilometri...

FANTIC CABALLERO 500 ANNIVERSARY 2021 – IL PERCORSO DI ENDURO

Abbandono le strade asfaltate per la prima delle tre prove in off-road. La terza prova giornaliera è un percorso di enduro misto fettucciato e sabbia. Dopo qualche giro di prova del percorso, parte il giro cronometrato. A mia disposizione il Caballero 50° Anniversario, presentato lo scorso anno per il mezzo secolo del modello nato nel 1969. Per rendergli omaggio, ecco la colorazione blu (oppure rossa) con una fascia tricolore che percorre tutta la lunghezza del serbatoio. Inoltre, ci sono alcuni dettagli come il manubrio paracolpi, le griglie di protezione di faro e radiatore pensate per l’off road. La moto esce di serie con le Pirelli Scorpion Rally STR ma, per l’occasione, sono state montate le più fuoristradistiche Michelin Anakee Wild (di serie sul Caballero Rally) di cui vi racconterò più avanti. Tecnicamente, la base è la medesima della Scrambler e della Deluxe, il prezzo però sale a 6.990 euro.

Premessa: in fuoristrada non sono un campione. Anzi, un semplice “appassionato” che riesce ad andare da un punto A ad un punto B (quasi) senza problemi. Il Caballero Anniversary è tutt’altro che una moto specialistica, a partire dal cerchio da 19” all’anteriore e l’escursione delle sospensioni da 150 mm (anziché 200 come sulla Rally). Ciononostante, sono rimasto piacevolmente sorpreso per come la moto riesca a mettermi a mio agio grazie a un comportamento sempre sincero dell’avantreno e del retrotreno, anche nei passaggi più impervi. La triangolazione da scrambler non si sposa molto con la guida in piedi, ma il peso ben distribuito e il baricentro basso giovano al controllo e all’ottima agilità. La Anniversary, nel fettucciato, si sente come la sua 50enne antenata.

I primi due rapporti del cambio sono ottimi per l’off-road, in particolare la seconda: al minimo il motore borbotta e scalcia, prendendo gradualmente giri fino a scodare leggermente, ma sempre in modo sincero e mai brusco.Davanti, invece, la gomma da 19” è il perfetto compromesso tra appoggio e agilità nei cambi di direzione. Nei tratti più difficili non offre la stessa stabilità del fratello maggiore “21, ma non mi sarei mai aspettato di riuscire a completare (senza mai cadere!) un percorso così avverso con una moto così facile e “sottovalutata” (nell’off-road) come la Anniversary!

FANTIC CABALLERO 500 RALLY 2021 – NAVIGAZIONE IN FUORISTRADA

Il suo look pronto all’avventura non inganna: la Rally ha anche una ciclistica che strizza l'occhio al fuoristrada. L’escursione delle sospensioni, completamente regolabili, passa da 150 a 200 mm, e gli steli della forcella crescono da 41 a 43 mm di diametro. Gli pneumatici sono i Michelin Anakee Wild (già visti prima sulla Anniversary) con sezione 110/80 19” all’anteriore e sempre 140/80 17” al posteriore, quest’ultimo abbracciato da un forcellone in alluminio più leggero e resistente. Nonostante i 3 kg risparmiati grazie a questa soluzione, le raffinatezze tecniche adottate (come le sospensioni regolabili) mantengono il peso a 150 kg a secco, con il prezzo che sale a 7.290 euro. Il serbatoio può accogliere una piccola borsa nella quale riporre piccoli oggetti come...una mappa! La prova consiste in un “mini rally” in fuoristrada. Ogni svolta errata corrisponde a un errore!

Se con la Anniversary mi sono divertito, con la Rally… ancora di più! La maggior luce a terra e sospensioni più sofisticate rendono più facile la vita nei percorsi caratterizzati da canali, pietraie in salita e tantissimi dossi. Una moto facile come il Caballero 500 Rally ha permesso di concentrarmi non solo sulla guida e sugli ostacoli che trovavo sul percorso, ma soprattutto… sugli svincoli giusti da imboccare! Mi è piaciuto il fatto che, nonostante una maggior altezza da terra della sella (86 cm anziché 82 cm) non ho riscontrato nessun problema a cercare l’appoggio giusto coi piedi nei momenti più complicati.

Un aspetto che in fuoristrada spicca maggiormente è il comportamento del motore a bassissimi giri. Mi è piaciuto come il mono, al minimo, riprende fluidamente potenza anche in seconda marcia come un “piccolo mulo” che si arrampica in cima alla collina. Come per la Anniversary, la guida in piedi non è il massimo dell’ergonomia perchè non c'è tanto serbatoio da stringere con le gioncchia. Ciononostante, quando si affrontano tratti in discesa, l’ampia sella lascia libertà di spazio per arretrare il peso e fare downhill verso il campo base. Un dettaglio che mi è piaciuto sono gli specchietti ripiegabili all'interno, per evitare di toccare con la vegetazione circostante nei tratti più stretti. Tornato al punto di partenza, è ormai tutto è pronto per la sfida finale…

FANTIC CABALLERO 500 FLAT TRACK 2021 - LA SFIDA DEFINITIVA

Il Flat Track non è una disciplina che, in Italia, gode di un grande retaggio storico. Nacque a inizio XX secolo negli Stati Uniti, dove crebbe di popolarità nel dopoguerra fino alla sua crescita negli anni ’70, proprio mentre il primo Fantic conquistava i giovani di quella generazione. Oggi il Flat Track è stato ''sdoganato'' anche in Italia e, per conquistare l’attuale generazione di giovani, Fantic propone il Caballero Flat Track. Questo allestimento presenta le stesse caratteristiche tecniche della Scrambler (anche il prezzo: 6.690 euro), quali sospensioni, peso e altezza da terra. La grande differenza rispetto agli altri modelli la fanno i due cerchi da 19”:130/80 davanti e 140/80 dietro, che accolgono pneumatici semitassellati pronti a far intraversare questo Fantic.

Le regole del flat track sono semplici come il percorso a percorrenza antioraria. Due rettilinei e due curve a sinistra, tre giri: il primo che passa sotto la bandiera a scacchi, vince. La sfida parte con i piloti posizionati sui due rettilinei, e con la mano sinistra alzata: al via, prima dentro e… gas a martello! L’obiettivo è percorrere velocemente le curve che, però, presentano grossi canali e solchi creati dalla sabbia smossa. L’ingresso in curva è sempre la parte più difficile, ma mai sottovalutare l’uscita: appoggiare la moto a terra, comporta la squalifica!

Il percorso lo affronto tutto in prima marcia e con l’ABS disinserito, mentre cerco di navigare nella sabbia. Fortunatamente i due cerchi da 19” regalano il giusto appoggio, ma anche una guida diversa da quelle provate fino ad ora. Il manubrio largo (come sugli altri Caballero) mi permette di scegliere la traiettoria ideale, ma più che manopole mi sembra di impugnare due remi mentre “navigo” nella sabbia più profonda. Ogni sfida fa parte di un torneo composto da un tabellone che, da 10 sfidanti, ne vedrà solo uno trionfare. La prima manche sopravvivo – fisicamente – ma vengo eliminato. Riesco ad arrivare al tabellone finale un po’ come Steven Bradbury alla medaglia d’oro alle olimpiadi di Salt Lake City del 2002. La mia corsa termina ai quarti di finale... ma che divertimento!

CONCLUSIONE

Cinque moto con una stessa base, ma che riescono a regalare emozioni diverse. Il Caballero 500 di Fantic è tra le 30 moto più apprezzate nel nostro mercato grazie a una ricetta fatta di prezzo accessibile, stile dalla forte personalità e quella voglia di andare in off-road che cattura giovani e adulti “nostalgici”. Se dovessi sceglierne una da portare a casa, molto probabilmente prenderei la Rally... e voi quale scegliereste?

ABBIGLIAMENTO DELLA PROVA

  • CASCO Premier Trophy MX Style '70 BTR
  • GIACCA Rev'it! Overshirt Tracer
  • GUANTI Rev'It! Cayenne
  • PANTALONI Rev'It! 
  • STIVALI TCX Drifter WP

Pubblicato da Giorgio Sala, 12/04/2021
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox