Cool Factor

CFMOTO 800MT Touring: tanto ricca, tanto divertente. La prova


Avatar di Danilo Chissalé , il 20/07/22

3 settimane fa - Ricca nella dotazione e piacevole alla guida. Pregi e difetti della CFMOTO 800MT

Viene dalla Cina, ma è realizzata con cura, ha una dotazione da ammiraglia e un motore da KTM. Pregi e difetti della CFMOTO 800MT Touring

Di solito lo teniamo per la fine, ma questa volta partiamo dal prezzo: sono necessari 10.990 euro per portare a casa una CFMOTO 800MT Touring, una crossover proveniente dalla Cina ma che in quanto a dotazione tecnica e tecnologica non teme il confronto con i marchi più blasonati. Il suo Cool Factor è il rapporto dotazione/prezzo, ma non è tutto, scopriamone pregi e difetti dopo la prova.

COM’È FATTA

A EICMA è stata tra le moto che più ha attirato sguardi e destato curiosità, ed effettivamente di motivi ce ne sono eccome. Il design – frutto della matita del centro stile Kiska, lo stesso che disegna le KTM – è riuscito, ha una sua personalità, e anche la realizzazione, come già abbiamo visto sulla 700 CL-X, non lascia spazio a critiche.

DOTAZIONE RICCA A convincere è la dotazione ricchissima offerta di serie, specialmente nella versione Touring protagonista del nostro Cool Factor. Come sulla versione più “basic” ci sono la piattaforma inerziale IMU, un display TFT a colori di dimensioni generose e dotato di connettività e navigazione, 2 riding mode, ABS cornering, cruise control, luci full LED con tanto di faretti aggiuntivi e plexiglass regolabile in altezza. Sulla versione Touring si aggiungono i cerchi a raggi incrociati tubless, Quick shifter bidirezionale, monitoraggio della pressione degli pneumatici e ammortizzatore di sterzo. Per un turismo all’insegna dell’avventura non mancano poi paramani, manopole e sella pilota riscaldabili, barre para telaio e cavalletto centrale.

SCORRE L’AUSTRIA NELLE SUE VENE Come forse già saprete, il cuore pulsante della CFMOTO 800MT ha nel DNA i cromosomi austriaci. Infatti il bicilindrico parallelo frontemarcia è lo stesso utilizzato dalla Casa di Mattighofen fino a poco tempo fa sulla sua 790 Adventure. Non si tratta però di un copia e incolla, quello della 800MT infatti differisce per dati tecnici: 91,1 CV di potenza a 9.000 giri (contro 95 della KTM) e una coppia di 75 Nm a 7.500 giri (contro 88 a 6.500 giri/min dell’austriaca).

DOTAZIONE CICLISTICA Le similitudini con le KTM finiscono con il telaio in tubi d’acciaio al CroMo e a sezione ovale e mono ammortizzatore privo di leveraggio. Le differenze iniziano con le sospensioni Kayaba, a forcella è upside down con steli di 43 mm di diametro completamente regolabile, il mono ammortizzatore è regolabile nel precarico e nella velocità di estensione. A frenare i 218 kg con il serbatoio da 19,2 litri vuoto ci pensa l'impianto frenante della spagnola (di proprietà di Brembo) J.Juan. Davanti ci sono dischi di 320 mm di diametro abbinati a pinze radiali a quattro pistoncini, dietro c'è un disco di 260 mm con pinza flottante a due pistoncini.

COME VA

In sella non tradisce la sua indole da viaggiatrice, l’ergonomia punta al confort grazie a una sella ospitale alta 825 mm da terra, stretta al punto giusto nella zona del cavallo per rendere semplice anche ai meno alti raggiungere il terreno. Poi c’è il manubrio basso e non esageratamente largo, che alle estremità si avvicina al busto del pilota, la gestione delle masse in gioco così è più semplice, specialmente alle basse velocità. Ben ospitato anche il passeggero, che ha una buona porzione di sella a lui dedicata e maniglioni posti alla giusta distanza.

BEN PROTETTI La protezione offerta dal cupolino è molto buona, rientrano nella “bolla d’aria” da lui creata busto e casco, anche per i più altri se posizionano alla massima altezza, peccato che le regolazioni si possano fare soltanto in movimento e agendo sui pomelli di regolazione. A contribuire al riparo aerodinamico è anche il serbatoio che non espone il ventre a fruscii e turbolenze.

VEDI ANCHE



LONTANI PARENTI La curiosità attorno al comportamento del motore è tanta, giustamente, ma come lasciano ben intendere i dati tecnici, l’indole di quello della 800MT è più pacata, alla prima apertura di gas non c’è quell’esplosione tipica del bicilindrico austriaco, ma una risposta più progressiva. Superati i 6.000 giri, però, i cromosomi si fanno sentire con una spinta decisa. Per lei quasi una doppia personalità, ma quella che meglio le si addice è quella tranquilla: quando si tira arrivano anche le vibrazioni e l’elettronica di gestione è ancora un tantino ruvida. Andrebbero affinate le logiche di funzionamento del cambio elettronico quando si guida in maniera sportiva e la risposta del comando del gas.

BELLA TRA LE CURVE Tra le curve, invece, di ombre non ce ne sono. La dinamica di guida della CFMOTO 800MT convince. È rotonda nella discesa in piega, come ci si aspetterebbe da un anteriore da 19 pollici e la taratura delle sospensioni tendente al morbido coccola abbastanza quando l’asfalto è sconnesso senza dare l’idea di essere in barca con il “mare grosso” quando si vuol affrontare qualche curva con piglio deciso, se poi non dovesse essere di vostro gradimento quella standard c’è sempre la possibilità di regolarla a proprio piacimento agendo sui registri. Bene l’impianto frenante, potente e ben modulabile soprattutto al posteriore.

VIAGGIATRICE Come vi dicevo all’inizio, la dotazione è da moto di segmento superiore e accessori offerti di serie come il cruise control e la navigazione tornano utili quando si affronta un viaggio. Per la seconda è necessario scaricare l’app dedicata per poi ottenere indicazioni turn by turn. Anche il TMPS, ovvero il sensore per la misurazione della pressione degli penumatici è comodo, avvisa in caso di imprevisti e vi permette di ripristinare correttamente i valori nel caso aveste sgonfiato gli pneumatici – poco mi raccomando dato che sono tubeless – per affrontare del fuoristrada. A tal proposito, le strade bianche sono nelle sue corde, azzardare troppo in più non è consigliabile, l’ABS non ha una taratura off-road e non può essere disabilitato e gli pneumatici Maxxis di primo equipaggiamento sono decisamente stradali.  Bene i consumi, nel test sul nostro percorso misto abituale il consumo registrato è stato di 21,3 km/l.

PREZZO E ACCESSORI

Ricapitolando, per 10.990 euro porterete a casa una moto per affrontare il commuting e i viaggi anche in coppia, dalla dotazione ricca che può essere completata aggiungendo il tris di borse dedicato da 1.290 euro, realizzato con la stessa cura della moto con tanto di fodera di rivestimento interna. Di pregi ce ne sono molti, di difetti relativamente pochi, ma l’assenza del controllo di trazione è un’incognita data la presenza della piattaforma inerziale. Avrebbe fatto comodo ai neofiti e non solo, specialmente quando l’asfalto è viscido.

SCHEDA TECNICA


CFMOTO 800MT Touring
Motore Bicilindrico parallelo, Euro5
Cilindrata 799 cc
Potenza 91,1 CV a 9.000 giri/min
Coppia 75 Nm a 7.500 giri/min
Peso 218 kg a secco
Prezzo 10.990 euro

ABBIGLIAMENTO


Casco Shark Spartan GT Carbon
Giacca Held Jakata
Guanti Tucano Urbano MRK
Jeans Rev’It! Brentwood
Scarpe Stylmartin Core WP15:39


Pubblicato da Danilo Chissalè, 20/07/2022
Gallery
Listino CFMoto 800MT
Allestimento CV / Kw Prezzo
800MT Sport 91 / 67 9.990 €
800MT Touring 91 / 67 10.990 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della CFMoto 800MT visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni CFMoto 800MT
Vedi anche
Logo MotorBox