Autore:
Simone Valtieri

TEMPI ALTI Al termine della prima giornata di test Superbike sulla pista di Jerez, sono solo 8 i millesimi che separano il primo in classifica, il britannico Alex Lowes del team Pata Yamaha, dal campionissimo Jonathan Rea con la Kawasaki. Le condizioni atmosferiche e del tracciato non erano però ideali, tra nuvole e basse temperature, senza contare la recente riasfaltatura. Tutto ciò ha fatto si che si girassse su tempi molto alti, lontani oltre due secondi rispetto ai test effettuati sullo stesso tracciato in novembre. Lowes ha chiuso infatti in 1'40"838, ben lontano dal 1'38"713 con il quale Rea aveva dominato la sessione autunnale.

TOP TEN Alle spalle del duo di testa si è piazzatoil turco della Puccetti Racing, Toprak Razgatlioglu, sempre in sella alla Kawasaki, che ha preceduto l'altra Yamaha del team Pata, guidata dall'olandese Mark van der Mark, entrambi a circa sei decimi dalla vetta. La prima Ducati Panigale è stata quella di Chaz Davies, sesto a 9 decimi dalla vetta, che ha preceduto il compagno di Rea, Leon Haslam, poi l'a Yamaha di Marco Melandri e l'altra Ducati di Alvaro Bautista, nono. Chiude la top ten Jordi Torres, a 2" dal leader di giornata.

SUPERSPORT E MOTOGP In pista a Jerez anche Stefan Bradl, test driver della Honda MotoGP, che ha chiuso in 1'41"370, con un tempo distante circa 9 decimi da quello di Lowes, e che sarà impegnato nei prossimi test ufficiali del Motomondiale in sostituzione di Jorge Lorenzo, infortunato al polso. Per quanto riguarda invece la Supersport il migliore è stato l'italiano Federico Caricasulo, che con la Yamaha ha chiuso in 1'42"847, precedendo il connazionale Raffaele De Rosa di quasi nove decimi, e lo svizzero Randy Krummenacher di un secondo,

 

 


TAGS: alex lowes jonathan rea wsbk test sbk superbike 2019 WSBK 2019 WorldSBK 2019 test jerez 2019