Autore:
Matteo Larini

REA PRIMO Operazione compiuta: dopo una prima parte di stagione in cui sembrava che il titolo sarebbe finito nelle mani di un velocissimo Alvaro Bautista in sella alla Ducati, le gare estive hanno mostrato una situazione ribaltata, con Jonathan Rea che, piano piano, ha iniziato a recuperare punti su punti allo spagnolo, fino a riprendersi oggi la testa della classifica mondiale, complice anche la caduta di Bautista. Va detto però che la scelta dei vertici di cambiare il regolamento in corso d'opera ha penalizzato le Ducati, favorendo il recupero della Kawasaki: e attenzione, le prossime piste sono favorevoli al nordirlandese...

DONINGTON BAGNATA La prima gara del fine settimana inglese è andata in scena sotto la pioggia, favorendo il dominio del campione in carica. Scattato secondo alle spalle di Tom Sykes, Rea si è involato in testa alla prima tornata, per poi fare il vuoto nei giri successivi, tanto che il gap finale tra lui e il poleman, giunto secondo, è stato di ben 11 secondi. Un'eternità.

CAMPIONATO RIAPERTO Se alla vigilia di questa gara si poteva già affermare che il campionato non era più saldamente nelle mani di Bautista, la sua caduta odierna alla curva 6 dello Starkey's Bridge ci consente di dire che il campionato ora è davvero riaperto: Rea è tornato in testa alla classifica iridata, e ad aspettarlo ci saranno delle piste a lui favorevoli. Bautista e la Ducati sono chiamati ad una prova di forza già nella gara di domani per non rischiare che il mondiale torni fra le braccia del mattatore assoluto delle ultime stagioni. Grande prova anche di Alessandro Del Bianco, nono al traguardo e bravo a restare in piedi in un frangente della corsa nonostante avesse praticamente perso la moto ad alta velocità. Quattordicesimo Marco Melandri.

SUPERPOLE A SYKES Al mattino, la miglior prestazione era invece stata appannaggio di Tom Sykes, poi secondo sul traguardo, davanti al vincitore Rea. La scelta della BMW di passare a gomme da asciutto in un momento in cui la pista andava asciugandosi dalla pioggia caduta fino a poco prima gli ha permesso di ottenere una perentoria pole position. Terzo al via Leon Haslam, seguito da Hickman, che ha sostituito Reiterberger. 

WSBK Donington, Gara-1: ordine d'arrivo e distacchi

Pos Pilota Moto Giri Distacco
1 J.  REA Kawasaki ZX-10RR 23  
2  T.  SYKES BMW S1000 RR 23 11.348
3  L.  HASLAM Kawasaki ZX-10RR 23 23.071
4  L.  BAZ Yamaha YZF R1 23 29.935
5  A. LOWES Yamaha YZF R1 23 37.641
6  L.  MERCADO Kawasaki ZX-10RR 23 46.917
7  P.  HICKMAN BMW S1000 RR 23 1'00.135
8 M. VAN DER MARK Yamaha YZF R1 23 1'07.062
9  A. DELBIANCO Honda CBR1000RR 23 1'10.752
10 C. DAVIES Ducati Panigale V4 R 23 1'11.453
11 R. KIORINARI Honda CBR1000RR 23 1'15.161
12  M. RINALDI Ducati Panigale V4 R 23 1'24.259
13  T.  RAZGATLIOGLU Kawasaki ZX-10RR 23 1'26.777
14  M. MELANDRI Yamaha YZF R1 22 1 Lap
    Ritirati    
RIT  A. BAUTISTA Ducati Panigale V4 R 10 13 Laps
RIT  J.  TORRES Kawasaki ZX-10RR 9 14 Laps
RIT  S. CORTESE Yamaha YZF R1 9 14 Laps

TAGS: ducati superpole kawasaki rea wsbk Bautista WSBK 2019 DoningtonGP 2019