Pubblicato il 05/02/21

FINALMENTE IN PISTA Dopo il difficoltoso test di Jerez, falcidiato dal maltempo, e dopo ulteriori ore di attesa per via della nebbia, nella mattinata di ieri è finalmente cominciata la stagione Superbike 2021 per i piloti della Ducati. A Misano Adriatico sono scesi in pista i due ufficiali Scott Redding (vice iridato 2020) e Michael Ruben Rinaldi, promosso dal team satellite Go Eleven, e Tito Rabat, che uscito dalla MotoGP ha potuto prendere per la prima volta tra le mani il manubrio della Panigale V4 R del team Barni Racing con il quale correrà la prossima stagione.

Test Misano SBK 2021, Michael Ruben Rinaldi (Ducati)

PRIMI MATTONI Per lo spagnolo, il primo a parlare al termine della giornata di test, quasi 70 giri che lo hanno soddisfatto: ''Nonostante il maltempo oggi mi sono divertito'', ha spiegato Rabat: ''Le mie prime impressioni sono abbastanza positivo. Devo capire a poco a poco come funziona la Panigale e dopo questa prima giornata so da dove devo cominciare a lavorare''. Anche per Scott Redding i giri sono stati una settantina (72), mentre Rinaldi - l'unico dei tre che aveva già provato la Ducati in configurazione 2021 in occasione dei test dell'Estoril di fine anno scorso, ne ha fatti 52, complice una caduta senza conseguenze nel pomeriggio. L'italiano è comunque riuscito a provare alcune novità sulla sua moto, come le nuove sospensioni e un software aggiornato. L'obiettivo della pattuglia rossa è chiaro: negare a Jonathan Rea la settima affermazione iridata, e oggi sono stati messi i primi mattoncini in quest'ottica.


TAGS: ducati misano superbike sbk worldsbk chaz davies scott redding tito rabat wsbk michael ruben rinaldi ducati panigale v4 r