Autore:
Federico Maffioli

BINOMIO ITALIANO Il rinnovato circuito di Sepang mescola i valori in gioco e dopo i primi due turni di libere è l’Aprilia di Lorenzo Savadori che, con il crono di 2.03.951, chiude il Venerdì piazzandosi davanti a tutti. Un risultato sorprendente e inaspettato, considerando che alla fine del primo turno il pilota romagnolo, esordiente in questo Campionato, era nono dietro al suo compagno di squadra Alex De Angelis (dodicesimo a fine giornata). Una prima posizione provvisoria che conferma il potenziale di questo binomio italiano sul tracciato malese, ma che dovrà fare i conti con la costanza di rendimento in gara, soprattutto a livello di usura delle gomme. Un aspetto in cui, fino ad oggi, l’Aprila ancora non è arrivata ai livelli della concorrenza.

ROOKIES POWER Stupisce meno il secondo posto in classifica combinata di un altro esordiente di questo Campionato, l’ex iridato MotoGp Nicky Haydey, perché questa è una pista su cui si trova bene e che gli piace particolarmente. La Honda a Sepang è competitiva e lo dimostra anche il settimo tempo di Michael van der Mark, che chiude il Venerdì più lento di circa due decimi rispetto al suo compagno di squadra. Anche il terzo miglior crono di oggi appartiene ad un rookie, il pilota Althea BMW Markus Reiterberger che chiude i primi due turni di libere a soli 72 millesimi da Hayden e davanti alla Yamaha ufficiale di Alex Lowes, quarto a 23 millesimi. Un risultato molto positivo per Reiterberger, che, se da una parte non aveva mai visto questa pista, dall’altra dimostra che la sua BMW è sulla strada giusta per poter far bene domani, aspetto confermato anche del sesto posto del suo compagno di squadra Jordi Torres. Ottima prestazione anche per Luca Scassa e la sua Ducati del Team VFT Racing, che chiude il Venerdì con il tredicesimo miglior crono.

IN CRESCENDO Chaz Davies e Davide Giugliano iniziano male il weekend malese e, dopo il primo turno di libere, con i due piloti Ducati rispettivamente in dodicesima e quattordicesima posizione, l’impressione era quella di un round particolarmente in salita. Va decisamente meglio, invece, nel secondo turno con entrambi i piloti Ducati in Superpole 2 grazie al quinto miglior crono di Giugliano e all’ottavo posto di Davies.

AL VERDE La sorpresa più incredibile del Venerdì malese è Tom Sykes, che chiude in undicesima posizione a quasi otto decimi dal miglior tempo di oggi e rimane fuori dalla Superpole 2. Un po’ meglio il suo compagno di squadra Jonathan Rea, decimo, ma solo più veloce di un millesimo dal compagno di squadra. Un risultato nettamente sotto al loro standard, ma che difficilmente troverà conferma domani. Molto bene, invece, per il pilota Kawasaki del Team Pedercini Anthony West che chiude il Venerdì in nona posizione.

COSI IN SUPERPOLE 2 Questi i piloti che domani accedono direttamente in superpole 2: 1) Lorenzo Savadori, Aprilia 2.03.951; 2) Nicky Hayden, Honda 2.04.167; 3) Markus Reiterberger, BMW 2.04.239; 4) Alex Lowes, Yamaha 2.04.262; 5) Davide Giugliano, Ducati 2.04.295; 6) Jordi Torres, BMW 2.04.312; 7) Michael van der Mark, Honda 2.04.385; 8) Chaz Davies, Ducati 2.04.478; 9) Anthony West, Kawasaki 2.04.743; 10) Jonathan Rea, Kawasaki 2.04.747.


TAGS: nicky hayden chaz davies Davide Giugliano alex lowes jonathan rea Michael Van Der Mark jordi torres Markus Reiterberger lorenzo savadori gare superbike superbike malesia sbk2016 superbike2016 anthony west risultati venerdì sepang 2016 tempi sepang sbk 2016