Logo MotorBox
WSBK 2024

Petrucci prosegue il recupero: "La scapola è la parte più dura da rimettere a posto"


Avatar di Luca Manacorda , il 08/05/24

1 mese fa - Petrucci si racconta dopo la terribile caduta in allenamento

Petrucci come sta? Il ternano spiega il recupero dopo la caduta
Il ternano aggiorna sulle sue condizioni dopo la terribile caduta avuta mentre si allenava facendo motocross

Dopo la terribile caduta di un mesetto fa, avvenuta mentre si allenava facendo motocross, Danilo Petrucci prosegue il suo percorso di recupero fisico. Nell'incidente avvenuto a Cingoli, il pilota del team Barni Spark ha riportato la frattura della mandibola, della clavicola e della scapola, subendo due interventi chirurgici.

FRATTURE E... FORTUNA Come da lui stesso indicato al momento della dimissione dall'ospedale, l'obiettivo è tornare in pista per l'appuntamento della WSBK in programma a Misano a metà giugno. Petrucci ha ribadito l'obiettivo in un recentemente video pubblicato sui suoi profili social, aggiungendo di stare seguendo tante terapie per accelerare il recupero. Intervistato dal sito ufficiale del Mondiale Superbike, riguardo alle sue condizioni fisiche ha aggiunto: ''Sono stato fortunato, dato che non mi sono infortunato alla gamba o alla schiena e questa è la cosa più importante. Sono stato specialmente fortunato dato che il colpo l’ho dato sulla testa, ma a pochi centimetri dalle ossa del collo. Ho picchiato la mandibola nell’unica parte in cui non avevo la protezione del casco. Ho sbattuto la faccia sul manubrio e penso che sia stata una caduta davvero fortunata. La mandibola si è spezzata in tre parti, la clavicola in due parti e la scapola si è rotta. La scapola è la parte più dura da rimettere a posto dato che la mandibola è fissata da placche e viti, come anche la clavicola mentre la scapola è ancora rotta''.

Danilo Petrucci dopo la caduta, nella foto da lui pubblicata sui social Danilo Petrucci dopo la caduta, nella foto da lui pubblicata sui social

VEDI ANCHE


COME UN MARTELLO SU UN CHIODO Tornando sulla dinamica della caduta, Petrucci ha raccontato così il terribile impatto: ''È stata davvero una grossa caduta. Sono stato sfortunato dato che questo è un errore che commetti una sola volta, ti capita una sola volta nella vita ed è successo a me. È stato come un salto con gli sci. Più vai forte, più vai in alto e quindi mi sono davvero spaventato. L’ultima cosa che ricordo è che ero in aria. Sono atterrato sulla rampa del salto successivo, come un martello che sbatte su un chiodo. Non mi ricordo niente, soltanto che ero 15 metri in aria e non ho potuto fare niente; ho potuto soltanto aspettare di sbattere a terra''.

LEZIONE IMPARATA Petrucci ha saltato il round di Assen della WSBK, in un weekend che ha visto sorprendentemente il suo sostituto Nicholas Spinelli vincere gara 1 grazie a una scelta azzeccata delle gomme da utilizzare sull'asfalto umido. Parlando ancora della brutta avventura vissuta, il ternano ha spiegato di aver tratto un insegnamento importante: ''Penso sia una cosa da cui imparare per crescere un po’, per non rischiare così tanto, per cambiare un po’ il mio allenamento e per essere più calmo. Mi dico: 'A 34 anni non serve essere più forti, ma più intelligenti'. Non l’ho fatto. Mi stavo allenando per essere sempre più forte''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 08/05/2024
Tags
Vedi anche