Autore:
L'insider

INSIDER SUPERBIKE: ecco cosa nessuno vi ha (ancora) raccontato dopo la prima tappa australiana del Mondiale Superbike!

La sua identità qui a Motorbox è misteriosa, ma nel paddock tutti lo conoscono molto bene, perché il mondo delle competizioni, da sempre, è la sua vita. Adesso è in viaggio per raggiungere la Thailandia, perché questo fine settimana il circo della Superbike arriverà al circuito di Chang per il secondo round 2016. Tra un volo e l’altro ci ha raccontato le voci di corridoio, quello di cui tutti parlano ma che nessuno dice!

AUSTRALIANI DURI E PURI? Forse, ma alla fine la legge è uguale per tutti. Bayliss non paga per correre, ma paga i pezzi buoni alla Ducati. Senza soldi si va piano e poco lontano e per andare a punti Jones, pupillo di Troy Bayliss, dopo aver rinunciato alla proposta del team VFT dello sfortunato Menghi, ha dovuto bussare al box Ducati per avere a pagamento qualche pezzo buono. In fondo, quindi, o a Menghi o alla Ducati i soldi per correre (più forte) ha dovuto tirarli fuori.

MANGIATO UNA SCOPA? TIRATELA MENO Il bellone della Superbike Leon Camier è senza dubbio quello che se la tira di più e si muove nel paddock sempre impettito, guardando tutti dall’alto in basso. Chissà cosa farebbe se andasse anche forte.

GRUPPO VACANZE Hanno appena iniziato e già pensano alle vacanze. Visto che tra il primo ed il secondo round c’è una settimana di mezzo, piloti e team si sono concessi una vacanza. Meta più gettonata ovviamente la Thailandia, ma anche la Gold Coast australiana e la Nuova Zelanda. C’è chi può…

CATEGORIA USA E GETTA? Il loro pilota Camier è andato bene in Australia, ma in gara due è stato costretto al ritiro. Sembra che il budget di MV Agusta sia alquanto basso, tra motori e pezzi contingentati delle loro F3 ed F4. Ci sarà la volontà di dare a Camier una moto competitiva? O forse non vogliono investire più di tanto nella Superbike perché sono di passaggio (devono andare in MotoGP)?

COCCODRILLO Rivisto nel paddock Mr.Crocodile Troy Corser con tanto di bionda moglie Samantha. Secco e tirato (e grinzoso) come se dovesse correre. Non si sa bene cosa faccia ora per vivere. Forse va a pescare anche lui, o forse va a caccia di coccodrilli.

LE ULTIME PAROLE FAMOSE Tom Sykes : “Sono forte nel giro veloce, ma sto lavorando per andare forte per tutti i giri della gara”. Si è visto, o meglio, intravisto perché guardando le foto il numero 66 era lì, ma sullo sfondo e tutto sfuocato!

OCCHIO AI GOMITI! I compagni di squadra Torres e Reiterberger sono caduti nelle prove infortunandosi entrambi al gomito sinistro. Lorenzo Savadori invece il gomito lo ha più volte strisciato sull’asfalto, con pieghe al limite della fisica. Fantastico!

TEAM GRILLINI A LOURDES? Il giovane australiano Hook si è fatto male nei test ed il suo sostituto Razgatlioglu si è rotto un malleolo nelle prove del venerdì. Il patron Andrea Grillini fa gli scongiuri e in Thailandia farà correre un pilota locale. Alcuni dicono che prima, però, tutta la squadra farà tappa obbligata a Lourdes, non si sa mai!


TAGS: superbike mv agusta troy bayliss superbike 2016 tom sykes jordi torres Markus Reiterberger leon camier lorenzo savadori Josh Hook Fabio Menghi vft racing sbk 2016 superbike australia Ducati Team Troy Corser Andrea Grillini Toprak Razgatlioglu