Pubblicato il 10/09/20

NESSUN PASSO D'ADDIO Nel giovedì di Misano, contraddistinto dai casi di coronavirus che hanno coinvolto Jorge Martin e un meccanico, Valentino Rossi è tornato a parlare del suo futuro. Nei giorni scorsi sono emerse nuove voci circa il suo possibile ritiro, ma il nove volte campione del mondo ha seccamente smentito questa prospettiva, spiegando come in realtà sia vicinissimo alla firma dell'accordo con la Yamaha Petronas.

ANNUNCIO IMMINENTE Rossi ha spiegato che nulla è cambiato rispetto a qualche settimana fa, semplicemente perché non c'è fretta di chiudere l'accordo: ''La situazione è come quella di due-tre settimane fa, ci stiamo prendendo il nostro tempo con la Yamaha perché non abbiamo fretta. Abbiamo alcune cose da sistemare, ma siamo molto vicini a farlo. Voglio dire, è sicuro al 99% che correrò con Petronas il prossimo anno, solo perché non abbiamo ancora firmato. Penso che forse a Barcellona potremo fare l'annuncio''.

IN CERCA DI CLICK I nodi da risolvere sembrano riguardare le richieste di uno stipendio considerevole da parte del 41enne, nonché la volontà di avere una moto con specifiche di fabbrica e non da team clienti. Parlando dei ricorrenti rumors sul suo ritiro, Rossi ha aggiunto: ''Il mio ritiro è una grande notizia, quindi se scrivi su internet che Rossi andrà in pensione molte persone ci cliccano e lo leggono. Penso che questo sia il motivo per cui le persone lo hanno detto, dato che in realtà la situazione non è cambiata e molte volte ho detto che continuerò il prossimo anno''.


TAGS: motogp valentino rossi Yamaha Petronas