PEDROSA C'È Si è svolta ieri la prima di tre giornate in pista degli shakedown test della classe MotoGP, una sessione che precede di qualche giorno quelli ufficiali del 7-9 febbraio prossimi in cui sono impegnati solamente i piloti collaudatori e i rookie, con l'eccezione di Aprilia e KTM che hanno ottenuto le concessioni per schierare anche i titolari. Nel corso della prima giornata il più veloce di tutti è stato l'ex big della classe regina Daniel Pedrosa, da oltre un anno collaudatore per la casa austriaca KTM. Lo spagnolo si è ripetuto questa mattina (orario italiano), abbattendo la barriera dei 2 minuti e scendendo a 1'59''841.

NUOVISSIMA APRILIA Andando per ordinealle spalle dello spagnolo ha chiuso nel day-1 il tester della Ducati, Michele Pirro, staccato di appena 17 millesimi, poi quello della Suzuki, il francese Sylvain Guintoli. Fari puntati il primo giorno sul rookie Alex Marquez, che però non ha fatto meglio del quarto tempo a 7 decimi da Pedrosa, in sella a una HRC dipinta dei ''colori sociali'' rosso e blu per l'occasione. Nera invece come il carbon...io, la nuovissima Aprilia RS-GP con il nuovo motore con la V a 90° e una vistosa ala anteriore inserita nel telaio anch'esso rinnovato, così come la ciclistica. A battezzarla  l'italiano Lorenzo Savadori e il britannico Bradley Smith, entrambi fanalini di coda della ristretta classifica di ieri dietro al rookie Brad Binder con KTM e al tester della Honda, Stefan Bradl.

BRAVA KTM Nella seconda giornata, come anticipato, Pedrosa ha replicato la leadership precedendo stavolta il titolare del Red Bull KTM Factory, Pol Espargaro di 131 millesimi. Terzo Alex Marquez, che progredisce rispetto a ieri e si ferma a 4 decimi dalla vetta, poi l'altra KTM di Miguel Oliveira, a conferma del buon avvio di stagione della casa austriaca. Con lo stesso identico tempo del portoghese, ma una posizione in meno perché realizzato dopo, il tester Ducati Michele Pirro, che ha preceduto Bradl, Binder, Guintoli e Smith. Iker Lecuona, rookie del team KTM Tech 3, ha chiuso 10°, mentre è ultimo, di nuovo, Savadori.

LORENZO NON C'È Attesissimo, non è invece sceso in pista Jorge Lorenzo nel ruolo di tester Yamaha, il cui debutto era previsto per oggi ma è stato posticipato a domani. L'unica Yamaha YZF-M1 a girare in questi giorni è stata quella di Nakasuga, il tester della casa di Iwata, che si è fermato in 12° e penultima posizione, facendo fare lo shakedown a due moto. L'appuntamento è per domani, quando scenderà in pista - attesissimo - lo spagnolo, e cercherà di battagliare con l'ex rivale Dani Pedrosa, due grandi ex al servizio delle loro case. 

Shakedown Test MotoGP 2020, Sepang: Sylvain Guintoli (Suzuki)

I tempi del secondo giorno di Test Shakedown a Sepang

Pos. Pilota Team Tempo Distacco Giri
1 Daniel Pedrosa KTM 1:59.841   50
2 Pol Espargaro KTM 1:59.972 +0.131 43
3 Alex Marquez Honda 2:00.270 +0.429 51
4 Miguel Oliveira KTM 2:00.695 +0.854 48
5 Michele Pirro Ducati 2:00.695 +0.854 53
6 Stefan Bradl Honda 2:00.749 +0.908 57
7 Brad Binder KTM 2:00.899 +1.058 53
8 Sylvain Guintoli Suzuki 2:01.125 +1.284 61
9 Bradley Smith Aprilia 2:01.240 +1.399 57
10 Iker Lecuona KTM 2:01.946 +2.105 42
11 Katsuyuki Nakasuga Yamaha 2:02.713 +2.872 23
12 Lorenzo Savadori Aprilia 2:03.606 +3.765 33

I tempi del primo giorno di Test Shakedown a Sepang

Pos. Pilota Team Tempo Distacco Giri
1 Daniel Pedrosa KTM 2:00.625   57
2 Michele Pirro Ducati 2:00.642 +0.015 57
3 Sylvain Guintoli Suzuki 2:01.220 +0.595 65
4 Alex Marquez Honda 2:01.317 +0.692 59
5 Brad Binder KTM 2:01.616 +0.991 52
6 Stefan Bradl Honda 2.01.637 +1.012 58
7 Bradley Smith Aprilia 2:02.760 +2.135 43
8 Lorenzo Savadori Aprilia 2:04.888 +4.263 48

 


TAGS: yamaha honda ktm motogp jorge lorenzo sepang test motogp dani pedrosa Alex Marquez Shakedown Test