Autore:
Simone Valtieri

QUESTIONE DI ETÀ Il vocabolario non contiene più aggettivi superlativi per indicare quanto forte sia Marc Marquez: li abbiamo usati tutti. E nonostante abbia ancora appena 26 anni, c'è chi pensa - non andando lontano dalla verità - che lo spagnolo sia il più forte pilota di moto di ogni tempo. Il paragone con Valentino Rossi, d'altra parte, è impietoso. Ogni domenica c'è chi prende paga e chi vince, quasi sempre negli stessi ruoli. Eppure, evidentemente, molti si scordano di considerare che uno dei due potrebbe essere, se non proprio il padre, lo zio giovanile dell'altro.

IMMENSO TALENTO Valentino, un classe '79, è in sella da oltre 24 anni nel motomondiale, cioè da quando Marquez ne aveva due, e il tempo passa per tutti (anche per i miti dell'olimpo come Bolt, Phelps, o Schumacher per restare in ambito motoristico). Ciò nonostante Rossi è ancora molto competitivo e tiene botta a tutta una nuova generazione di pilotini arrembanti, grazie all'esperienza, alla classe e al suo immenso talento. Quante volte di questi due abbiamo sentito dire: "Sarebbe bello aver potuto vederli duellare entrambi nel fiore dell'età..."? Questo non si può fare, ma un po' i numeri ci possono dare una mano, quantomeno a rivalutare il gap che oggi c'è, ed è evidente, tra i due.

SCHERZI DELLA MEMORIA E allora, con l'occasione che Marc Marquez ha recentemente festeggiato il suo 200° GP in carriera, e viagga a gonfissime vele verso il suo ottavo titolo iridato (il sesto in MotoGP, ormai una formalità), siamo andati a vedere i numeri di Valentino nel suoi primi duecento GP. Non nascondiamo un pizzico di sorpresa, la memoria aveva fatto un brutto effetto anche su di noi, eppure esattamente come oggi è dominante Marc, a quel tempo c'era chi dominava come e... più di lui! Certo, diversi sono i rivali, le epoche, e duemila altre variabili. Tutto resta sempre e solo un gioco statistico, però... è curioso vedere come questi numeri aiutino a rimettere un po' nella giusta ottica le cose.

DUE LEGGENDE C'è un fenomeno, e c'era un fenomeno altrettanto grande. Entrambi accomunati da moto competitive e numeri sensazionali. Quelli di Valentino hanno iniziato a peggiorare dopo i 200 GP, non solo per via dell'età, ma anche perché l'italiano ha avuto il coraggio di fare scelte come il passaggio in Ducati, una scommessa persa ma che aveva senso fare più di quanto non abbia senso oggi per Marquez (La moto italiana di allora non era certamente quella attuale...). E dunque, non potendo paragonare i due fenomeni in pista ad armi (età) pari, affidiamoci agli almanacchi dei numeri, anche solo per mettere i puntini sulle i. In pista non c'è una sola leggenda, ce ne sono due, solo che uno ha un po' d'esperienza in più.

Di seguito il riassunto numerico dei dati di Marc Marquez e Valentino Rossi dopo 200 GP in carriera.

Valentino Rossi   Marc Marquez
7 Mondiali 7
91 45,5% Vittorie 78 39,0%
144 72,0% Podi 129 65,0%
51 25,5% Pole Position 89 44,5%
74 37,0% Giri veloci 69 34,5%

TAGS: yamaha honda motogp valentino rossi marc marquez motogp 2019 Marquez Rossi confronto Marquez 200 GP Rossi 200 GP