Logo MotorBox
MotoGP, test Sepang. Cronaca e risultati della terza giornata in pista. Marini da record
MotoGP 2023

MotoGP, test Sepang: torna il dominio Ducati e Aprilia nel day-3, Marini il più veloce


Avatar di Simone Valtieri , il 12/02/23

1 anno fa - A Sepang si chiudono i test MotoGP con nove moto italiane davanti, sette Ducati e due Aprilia

Nel day-3 dei test MotoGP a Sepang - come nel day-1 - nove moto italiane davanti a tutti, sette Ducati e due Aprilia. Marini e Bagnaia a passo di record

E così come erano cominciati, si chiudono i test di Sepang, con ben nove moto italiane davanti. Anche in questo caso nella top ten ci sono sette delle otto Ducati in pista e due Aprilia, unica nota avversa al tricolore è quella rappresentata dal decimo posto di Marc Marquez con la Honda, a quasi 8 decimi dal miglior tempo. E se venerdì aveva chiuso al top Marco Bezzecchi, oggi è stato il suo compagno di team, Luca Marini, a far siglare il miglior tempo - di tutto il weekend tra l'altro - un 1.57.889 che non si discosta di più di un decimo dal record assoluto del tracciato, stabilito in qualifica lo scorso anno da Jorge Martin (1.57.790). E il primato sarebbe pure venuto giù, se non fosse che nell'ultima ora di attività in pista è giunta regolare la pioggia a dar fastidio a team e piloti. E allora i giochi per la cronotabella si chiudono anzitempo, con Marini che precede di 80 millesimi la Ducati ufficiale di Francesco Bagnaia e di 147 l'Aprilia di Maverick Viñales

DOMINIO DUCATI In quarta e quinta posizione troviamo altre due Ducati, quella ufficiale di Enea Bastianini e quella del recordman del tracciato Jorge Martin, con ritardi dell'ordine di 3 decimi, mentre settima è l'Aprilia di Aleix Espargaro a 4 decimi. Per completare la top ten ecco ancora le Ducati di Fabio Di Giannantonio, Marco Bezzecchi e Alex Marquez, tutti con ritardi contenuti entro il mezzo secondo. Il primo piccolo solco arriva qui, con il già citato Marc Marquez a 777 millesimi, poi - fuori dalla top ten - c'è Raul Fernandez con l'Aprilia, staccato di 821 millesimi. Sono apparse invece molto più in difficoltà le Yamaha soprattutto rispetto ai giorni scorsi. Fabio Quartararo è titolare del 19° tempo (con il suo migliore di ieri sarebbe stato 17°), alle spalle anche di Mir (Honda), Pol Espargaro (GasGas), Binder (KTM), Zarco (Ducati), Miller (KTM) e Oliveira (Anche lui non ha migliorato rispetto ai giorni precedenti), staccato di un secondo circa da Marini, mentre Franco Morbidelli è subito dietro. Da segnalare le cadute di Miller (KTM) e Rins (Honda), entrambi nella mattinata, mentre chiudono le fila la Honda di Nakagami, la GasGas di Augusto Fernandez e le moto di due tester: Crutchlow (Yamaha) e Bradl (Honda).

VEDI ANCHE



WORK IN PROGRESS Al di là dei risultati cronometrici, che sono importanti fino a un certo punto, valgono i riscontri dei piloti, e quelli che corrono per la casa di Borgo Panigale sono positivi. Martin ha spiegato come la GP23 permetta di staccare molto più profondo (addirittura 15 metri, sulla pista di Sepang, rispetto al 2022), e anche Enea Bastianini, che lo scorso anno guidava una versione super aggiornata della GP21, ha notato il salto netto salendo sulla GP23. Anche in casa Aprilia i commenti sono soddisfacenti, ma dai due piloti ufficiali viene sottolineato il fatto che Ducati sia davanti, esattamente come l'anno scorso. Non mancano poi le difficoltà per loro, con Aleix Espargaro che ha perso quasi tutta la seconda giornata di lavoro per via di una caduta e di un problema tecnico. In casa Honda e Yamaha si è lavorato soprattutto sull'aerodinamica, presentando nuove soluzioni tecniche rispettivamente sul codone e sulla carena, e a tal proposito Marquez ha spiegato il nuovo metodo di lavoro adottato dal Ken Kawauchi, appena arrivato dalla dismessa Suzuki. Il tecnico giapponese, vuole vedere con i propri occhi ciò che va e che non va prima di intervenire, perciò il processo di miglioramento sarà più laborioso visto che Marc ha cominciato con 4 moto da testare, giungendo fino a 2 (più una laboratorio) nell'ultima giornata di test. In casa KTM e GasGas, infine, si lavora principalmente sul nuovo motore, cercando di trovare il giusto equilibrio con il nuovo telaio. La prossima sessione di test MotoGP è prevista a Portimao per il weekend del 11-12 marzo, dopodiché ci sarà solo da attendere il 26 marzo, quando i semafori si spegneranno proprio sulla pista portoghese e avrà inizio la lunga battaglia iridata.

I TEMPI DEI TEST INVERNALI MOTOGP DI SEPANG 2023 - DAY 3

Pos. Pilota Moto Tempo Distacco Giri
1 Luca Marini Ducati 1:57.889 - 54
2 Francesco Bagnaia Ducati 1:57.969 +0.080 43
3 Maverick Viñales Aprilia 1:58.036 +0.147 56
4 Enea Bastianini Ducati 1:58.149 +0.260 42
5 Jorge Martin Ducati 1:58.204 +0.315 46
6 Aleix Espargaro Aprilia 1:58.307 +0.418 32
7 Fabio Di Giannantonio Ducati 1:58.344 +0.455 50
8 Marco Bezzecchi Ducati 1:58.363 +0.474 61
9 Alex Marquez Ducati 1:58.385 +0.496 49
10 Marc Marquez Honda 1:58.666 +0.777 55
11 Raul Fernandez Aprilia 1:58.710 +0.821 47
12 Joan Mir Honda 1:58.784 +0.895 45
13 Pol Espargaro GasGas 1:58.797 +0.908 37
14 Brad Binder KTM 1:58.812 +0.923 52
15 Johann Zarco Ducati 1:58.852 +0.963 50
16 Jack Miller KTM 1:58.901 +1.012 54
17 Miguel Oliveira Aprilia 1:58.922 +1.033 52
18 Alex Rins Honda 1:58.932 +1.043 55
19 Fabio Quartararo Yamaha 1:58.943 +1.054 63
20 Franco Morbidelli Yamaha 1:58.986 +1.097 44
21 Takaaki Nakagami Honda 1:59.535 +1.646 44
22 Augusto Fernandez GasGas 1:59.660 +1.771 46
23 Cal Crutchlow Yamaha 1:59.923 +2.034 40
24 Stefan Bradl Honda 2:00.435 +2.546 43
NC Katsuyuki Nakasuga Yamaha - - -

Pubblicato da Simone Valtieri, 12/02/2023
Tags
Gallery
Vedi anche