Autore:
Simone Valtieri

NUOVO ANNO, NUOVE REGOLE Nell'ultima riunione dell'anno la GP Commission, ha ratificato alcuni cambiamenti nel regolamento sportivo per le classi del Motomondiale in vista della stagione 2019 delle classi MotoGP, Moto2, Moto3 e MotoE, fissando inoltre nuovi importanti standard tecnici. I membri Carmelo Ezpeleta (Presidente Dorna), Paul Duparc (FIM), Takanao Tsubouchi (MSMA), Mike Trimby (IRTA), Carlos Ezpeleta (Dorna), Corrado Cecchinelli (Direttore della Tecnologia), Mike Webb (Direttore di gara) e Danny Aldridge (Direttore tecnico) hanno ratificato le seguenti decisioni:

REGOLAMENTO SPORTIVO (1) Per considerare conclusa la gara, un pilota deve tagliare la linea del traguardo in contatto con la sua moto. Ci sono eccezioni, per esempio in caso di incedente sulla retta finale, pilota e moto possono tagliare la linea del traguardo in distinti momenti. In futuro, il crono finale e la fine della corsa saranno calcolati prendendo in considerazione la prima parte dei due che taglia il traguardo.

REGOLAMENTO SPORTIVO (2) Per la sostituzione di un pilota infortunato nelle classi Moto3™ e Moto2™, il team può far correre un corridore proveniente da un altro campionato, ad esempio il FIM CEV. In futuro, al pilota sarà permesso di adempiere ai propri obblighi di partecipazione alle altre serie tenendo conto dell'attività di tali eventi e non saranno considerati giorni di test per le classi del campionato del mondo le prove nei 14 giorni antecedenti un GP sullo stesso circuito.

REGOLAMENTO SPORTIVO (3) Per stabilire un criterio univoco, è stato confermato che un pilota potrà riprendere la corsa dopo l’intervento di un commissario di pista e di un suo ritorno sul tracciato con la moto riaccesa, anche se vittima di una caduta. Per una maggiore chiarezza il corridore sarà definito ‘attivo’ (active) o ‘in gara’ (actively competing) per definire coloro che sono sul tracciato, tentano di ripartire dopo una caduta o di rientrare in pista dalla pit-lane. I Commissari FIM MotoGP saranno gli unici giudici a decidere su tale stato, il loro giudizio è inappellabile.

SORPASSO CON BANDIERA GIALLA Quando viene inflitta una penalità con un cambio di posizione a causa di un sorpasso avvenuto con bandiera gialla esposta, o per qualsiasi altra infrazione, le informazioni saranno comunicate tramite il display sul cruscotto e sulla lavagna al muretto dei box per un massimo di tre giri (Precedentemente erano cinque giri).

AVVIAMENTO DELLA MOTO Per motivi di sicurezza, non è consentito avviare il motore di un prototipo all’interno del box. L’accensione deve avvenire nella pit-lane.

NUOVI RICONOSCIMENTI Verranno introdotto nuove definizioni per il tempo più veloce, che include tutte le sessioni. Sarà chiamato ‘All Time Lap Record’ e il tempo più veloce in gara: ‘Best Race Lap’.

PUNTI DI CONCSSIONE - CLASSE MOTOGP Quando un Costruttore ottiene un numero di punti tale da perdere le concessioni, perde anche il diritto ai test illimitati. Il regolamento è stato chiarito per specificare che questo si applica alla stagione successiva e prima che il Costruttore selezioni tre circuiti per i test. Inoltre, i punti di concessione scadranno nell’arco di un biennio della data in cui i punti sono stati acquisiti.

GENERATORI USATI SULLA GRIGLIA DI PARTENZA Attualmente, la normativa prevede l'utilizzo a un generatore portatile con una potenza massima di 2 kw. La pratica corrente vede l’impiego di generatori che possano essere incorporati in un carrello porta attrezzi, ruote di scorta e altro. Il regolamento attuale è stato annullato, d’ora in poi sarà il Direttore Tecnico il responsabile dell'accettabilità del carrello generatore introdotto sulla griglia di partenza.

Una versione aggiornata del regolamento FIM è consultabile qui.


TAGS: motogp 2019 Nuove regole MotoGP GP Commission Regolamento MotoGP 2019