Marquez e la spalla infortunata: "Guarisce lentamente"
MotoGP 2020

Marquez e la spalla infortunata: "Spero di partecipare ai test"


Avatar di Simone Valtieri , il 17/01/20

1 anno fa - Marquez spera di prendere parte ai test MotoGP nonostante la spalla

Marc Marquez spera di poter prendere parte ai test in Malesia, ma la spalla operata sta guarendo più lentamente di quanto atteso

SPALLA CONVALESCENTE Suona un piccolo campanello d'allarme per Marc Marquez in vista della stagione MotoGP 2020. Il fenomeno spagnolo, nella stagione che potrebbe portarlo al pareggio di titoli con Valentino Rossi a quota 9, potrebbe cominciare con l'handicap di una spalla non perfettamente guarita, in seguito all'operazione al quale ha scelto di sottoporsi al termine della passata stagione per curare una sublussazione divenuta ormai ingestibile.

MotoGP Valencia 2019, Ricardo Tormo Cheste: Marc Marquez (Honda) MotoGP Valencia 2019, Ricardo Tormo Cheste: Marc Marquez (Honda)

VEDI ANCHE



TEST A RISCHIO A rivelarlo è stato lo stesso Marc, premiato con il fratello nonché nuovo compagno di team in Honda HRC, Alex Marquez, alla Festa dello Sport Catalano. ''La riabilitazione vorrei che procedesse meglio perché è più complicata del previsto'' - spiega Marquez sull'argomento - ''L’anno scorso mi sono operato alla spalla sinistra e la riabilitazione è stata diversa: stavolta sembrava più facile e veloce, ma non lo è. Spero di riuscire a rimettermi in forma e di riuscire a partecipare al primo test della stagione in Malesia''.

PREMIO SPECIALE L'inizio dei test a Sepang è previsto per il 7 febbraio prossimo, e se Marc non fosse presente sarebbe costretto a rincorrere per trovare il feeling con la nuova moto e presentarsi al massimo il mese successivo in Qatar, dove l'8 marzo scatterà la stagione 2020. Quel giorno nel suo box siederà, come accennato, il fratello Alex, fresco campione del Mondo della classe Moto2 e suo nuovo compagno di team, premiato come lui al galà Catalano. ''È un privilegio ricevere questo premio'' - ha dichiarato Marquez - ''Per me è la terza volta, ma questa è speciale perché posso condividerlo con mio fratello. Sono molto felice perché è il segnale che sportivamente siamo sulla strada giusta''.

SINERGIA FAMILIARE ''Posso dargli dei consigli giusti, ma sappiamo distinguere bene l’aspetto familiare e il lato professionale'' - aggiunge Marc - ''Bisognerà separare le due cose, ognuno lavorerà per conto proprio e pensando ai propri interessi, anche se a casa proveremo ad aiutarci a vicenda per i nostri obiettivi''. E alle sue parole fanno eco quelle di Alex: ''È bello dividere questo premio con mio fratello, il 2019 è stato un ottimo anno per noi due: ora abbiamo nuovi sogni da affrontare. Nel 2020 i nostri obiettivi sono molto diversi: da esordiente proverò a fare il massimo in ogni circostanza, ma soprattutto voglio crescere come pilota, perché in MotoGP bisogna imparare molto e velocemente possibile per ottenere risultati''.


Pubblicato da Simone Valtieri, 17/01/2020

Vedi anche
Logo MotorBox