Autore:
Valerio Colombo

RIFLETTORI ACCESI AL SACHSENRING Nel giorno dell'addio alla MotoGP - che avverrà al termine di questa stagione - di Daniel Pedrosa, e a un'ora di distanza dalla conferenza stampa tenuta dallo spagnolo per annunciarlo al mondo, è andata in scena anche la tradizionale chiacchierata tra piloti e giornalisti che precede l'inizio di ogni weekend di gara al giovedì. Presenti per l'occasione il leader del mondiale Marc Marquez, il secondo e il terzo in classifica, ovvero i due compagni di Yamaha, Valentino Rossi e Maverick Vinales, e il ducatista Andrea Dovizioso, oltre al pilota Suzuki Alex Rins, secondo nello scorso GP di Assen, e all'australiano della Ducati, Jack Miller.

CIAO DANI La prima parte della conferenza è stata tutta dedicata a Daniel Pedrosa, con i sei presenti a esprimere la loro solidarietà e il loro rispetto per un pilota tra i più amati dell'intero circus, giunto alla difficile decisione di appendere il casco al chiodo. "È un peccato per tutta la MotoGP, il nostro sport perde uno dei migliori piloti degli ultimi anni, ed è anche un vero peccato che non abbia mai vinto un titolo in top class, non me lo sarei aspettato" - ha spiegato Rossi, mentre Marquez, suo compagno di squadra, ha dichiarato: "Voglio ringraziarlo caldamente, è un riferimento e un esempio per tutti i ragazzi che vogliono fare il nostro mestiere."

MEGLIO MA PEGGIO. E anche Andrea Dovizioso, che di Pedrosa è stato compagno di team, ha dispensato parole d'affetto: "In quel periodo era più veloce di me, ho imparato molto da lui ed è stato sempre un esempio per me." Parlando del weekend di gara invece Andrea ha spiegato di avere una strana sensazione, dettata dal fatto che la sua moto è migliore rispetto alla scorsa stagione, ma non è lì a giocarsi il mondiale come nel 2017. "Questa stagione è completamente diversa, siamo messi meglio, la moto va meglio qui, ma purtroppo abbiamo fatto degli errori e preso pochi punti, e questo è sicuramente negativo. Prima di Assen ero fiducioso, sappiamo che questo circuito non è il migliore per noi ma penso che potremmo essere competitivi."

OTTO VOLANTE Il favorito però domenica sarà il vincitore di AssenMarc Marquez, che al Sachsenring non perde mai. Veramente mai, visto che a parte i primi due anni in 125, quando correva con la KTM, dal 2010 in poi ha inanellato otto successi consecutivi, cinque dei quali in altrettante stagioni di MotoGP. "Tutti parlano delle 8 vittorie consecutive in 8 anni, ma devo dire che dopo Assen sento meno pressione, in Olanda ero preoccupato, sapevo che avrei dovuto lottare, ma sono stato competitivo sin dall'inizio, e sapevo di avere un vantaggio. Vedremo cosa succederà in questo weekend, come vanno le gomme, che tenuta hanno, l'obiettivo principale resta comunque vincere domenica."

ROSSI GUARDA AVANTI Chi non ha nulla da perdere domenica è Valentino Rossi, secondo in campionato a ben 41 punti da Marquez e reduce da una bellissima ma sfortunata gara in Olanda, dove è terminato quinto, un risultato che non lo soddisfa sulla sua pista preferita. "La gara di Assen è stata una delle migliori dell'ultimo periodo, è un peccato perché è bello essere lì e salire sul podio, ma alla fine in una gara come quella può succedere di tutto, c'è stato un numero incredibile di sorpassi. Peccato per il podio, peccato non esserci salito, comunque rimane una gara grandiosa. In campionato sono secondo e c'è un bel distacco, ma bisogna solo concentrarsi, gara dopo gara, e cercare di essere competitivi al massimo. La moto dello scorso anno era molto complicata, speriamo di far meglio quest'anno."

MAVERICK IN DECOLLO Infine l'ultimo dei top rider presente in conferenza è stato Maverick Vinales, galvanizzato dal terzo posto ottenuto in Olanda e pronto a dare battaglia anche al Sachsenring, dove il mondiale passerà il giro di boa del campionato concludendo la nona gara su diciotto: "È stato bello combattere per le posizioni di testa ad Assen, ricordo benissimo gli ultimi giri e riuscivo a spingere ancora, però purtroppo non ho fatto meglio di terzo. sento di aver migliorato un sacco lo stile di guida. Mi è sempre piaciuto il Sachsenring, lo scorso anno sono passato da 11° a 4°, spero di poter far bene."


TAGS: rossi valentino rossi dovizioso andrea dovizioso marc marquez maverick vinales GP germania marquez motogp 2018 vinales Conferenza Stampa conferenza sachsenring Miller Rins