Pubblicato il 17/04/20

FUORI LA STAMPA Sta facendo discutere in queste ore la lettera che il numero uno dell'IRTA (International Racing Team Association), Mike Trimby, ha inviato ieri ai team della MotoGP, chiedendo loro di compilare una lista ridotta all'osso del personale che parteciperebbe ai GP, al fine di ridurre al minimo assembramenti e costi e di organizzare almeno una decina di tappe iridate a porte chiuse. Tutto bene, se non fosse per la precisazione contenuta nel testo di ritenere PR e personale media ''non vitale'' al fine dello svolgimento di un GP, fatto che fa pensare all'esclusione dal paddock anche della stampa. In attesa di chiarimenti e specifiche, riportiamo il testo integrale della lettera.

La lettera dell'IRTA

Cari tutti,

Spero che voi, i vostri staff e le vostre famiglie stiano bene durante questi tempi difficili.

Come avrete visto, sfortunatamente, la Dorna è stata costretta ad annunciare il rinvio di parecchi eventi e, per alcuni di essi, non sarà possibile trovare una nuova data. 

Dorna sta lavorando duramente per cercare delle nuove date, ma non può essere in grado di prevedere quando i governi decideranno di redurre le restrizioni su viaggi e assembramenti di persone. A causa di ciò, una delle opzioni che la Dorna sta valutando è la possibilità di disputare alcune gare ''a porte chiuse''. Questo significherebbe non avere spettatori né ospiti dei team, inclusi quelli degli sponsor con pass permanente.

Per ottenere l'approvazione dei governi, ad alcuni di essi sarà obbligatorio indicare il numero di persone richieste per organizzare tale evento e, probabilmente, anche le loro nazionalità e il paese di provenienza.

Vi iniviamo in allegato un modulo che dovreste completare e rispedire via mail il più velocemente possibile. Dovreste elencare in questo modulo il numero minimo di personale di cui avete bisogno al fine di correre un evento a porte chiuse in Europa e disputare la gara in modo sicuro. In aggiunta, se pensiate che una presenza fisica non sia essenziale allo svolgimento dell'evento, vi preghiamo di specificarlo.

Dato che saranno ammessi solamente i camion con personale essenziale, non c'è bisogno di includere lo staff delle hospitality e quello delle persone coinvolte nella loro costruzione. Altro staff che non è considerato vitale include PR e addetti stampa e, magari, anche i manager personali. Molti di loro possono operare dalle loro case, mantenendo attivi i contatti con lo staff presente in pista. 

Se avete bisogno di qualsiasi chiarimento, non esitate a contattarmi.

Cari saluti

Mike Trimby


TAGS: giornalisti media motogp IRTA PR