Pubblicato il 01/03/2020 ore 20:00

MOTOGP AD APRILE Il coronavirus si abbatte anche sulla MotoGP, provocando lo slittamento del Gran Premio della Thailandia e il parziale annullamento di quello del Qatar, round inaugurale del Motomondiale. Sulla pista di Losail il prossimo fine settimana correranno solamente Moto2 e Moto3, che sonno arrivate sul posto in anticipo per l'ultima sessione di test invernali. Nulla da fare per la MotoGP, che non prenderà dunque il via prima del GP degli USA previsto per il 3-5 aprile ad Austin.

Fabio Quartararo e Valentino Rossi, Yamaha

SI FERMA LA GIOSTRA A prendere questa decisione la Dorna, organizzatrice del Motomondiale e della Superbike, che invece è scattata regolarmente in Australia proprio questo fine settimana. Il problema principale è l'arrivo di italiani in Qatar (nel nostro paese secondo gli ultimi dati sono circa 1.500 i contagiati), ma anche di spagnoli e francesi dove la situazione sta iniziando a peggiorare proprio in questi giorni. Gli italiani sono la pattuglia più abbondante del carrozzone, tra team manager, dirigenti e piloti, e le autorità locali non sarebbero al momento propensi a far loro varcare le frontiere del paese. 

FINO ALL'ULTIMO La Dorna ha tentato in ogni modo di scongiurare la cancellazione, negoziando con le autorità del Qatar ma non è stato possibile fare altrimenti. Il Gran Premio del Qatar non sarà recuperato, mentre per quanto riguarda la Thailandia, una probabile collocazione è a ottobre, nella stessa stagione in cui siè già disputato in passato. Rossi, Dovizioso & Co. restano a casa, e con loro tutti gli altri.


TAGS: rossi motogp dovizioso dorna motogp qatar MotoGP 2020 Coronavirus MotoGP Thailandia