Anteprima:

Husqvarna Enduro 2009


Avatar Redazionale , il 17/09/08

13 anni fa - Si rinnovano le sette sorelle

A un anno - quasi - dall'acquisizione da parte di BMW, l'azienda varesina rinnova la sua gamma di enduro a due e quattro tempi, introducendo novità importanti alla base della gamma e nei modelli di cilindrata intermedia


SETTE BELLO
Nonostante le 15.000 moto immatricolate lo scorso anno, non poche per il settore del fuoristrada, l'arrivo di BMW, per Husqvarna ha rappresentato un momento fondamentale per mettere basi solide per il futuro, date le difficoltà della precedente proprietà nel concentrarsi su tutti i Marchi del suo carnet. Il primo risultato tangibile del nuovo corso è la rinnovata gamma enduro, forte ora di ben sette modelli di cui tre a due tempi (125/250/300) e quattro a quattro tempi (250/310/450/510).

EVOLUZIONE E INNOVAZIONE La maggior parte di questi rappresentano un'evoluzione di quanto esisteva già lo scorso anno, mentre le novità più importanti riguardano la WR125 a due tempi e l'introduzione di due inedite cilindrate intermedie: la WR300 a due tempi, che è sostanzialmente la replica della moto con cui corre Guillaume nel mondiale E3, e la TE310, dedicata a chi vuole qualcosa di più della 250 senza doversi spingere troppo in là con la potenza e i pesi di una 450.


(DUE) TEMPI MODERNI
Significativo rimane quindi l'impegno di Husqvarna nel due tempi che, secondo la Casa varesina, è ancora la motorizzazione migliore per chi vuole avvicinarsi all'enduro, anche agonistico. Numerose sono quindi le migliorie introdotte sulla gamma WR 2009, a cominciare dalla 125, che riceve un telaio completamente nuovo (derivato però da quello delle quattro tempi) e il cilindro della 125 da cross.

KIT DI SERIE L'altra novità, la WR300, utilizza per la produzione di serie un kit di maggiorazione disponibile già lo scorso anno nel catalogo ufficiale Husqvarna, grazie al quale l'alesaggio del pistone passa da 66,4 a 72mm, per una cilindrata totale di 293,1 centimetri cubi. Nuovo è anche il pacco lamellare VForce, mentre l'alimentazione può contare (come su tutta la gamma del resto) su un carburatore Mikuni da 38mm.


FIGLIA DEI FIORI
Le novità comuni a tutta la gamma due tempi riguardano poi l'impianto frenante, che riceve gli ormai immancabili (per l'off road) dischi a margherita, e le sospensioni, che prevedono forcella Marzocchi da 50mm e ammortizzatore Sachs, entrambi rivisti nella taratura grazie anche ai cosigli di un pilota esperto come Bartolini. Esteticamente le WR 2009 si riconoscono anche per la nuova mascherina portafaro, la strumentazione più compatta e moderna, le nuove grafiche e i cerchi anodizzati neri.

CURA DIMAGRANTE Più importanti sono state le modifiche introdotte sulla gamma quattro tempi, dato che è stata modificata la rigidità del telaio riducendone nel contempo il peso di un chilo, con l'obbiettivo di migliorare la maneggevolezza. Esteticamente le modifiche rispetto alle due tempi sono minime, anche se per distinguerle al volo basta buttare un occhio alle teste, verniciate di un bel rosso fuoco nel caso delle quattro tempi.


CAMBIO IN MEGLIO
La meccanica delle quattro tempi adotta quindi le modifiche alle sospensioni e ai freni delle due tempi, mentre riceve attenzioni particolari per quanto riguarda il cambio, ora più rapido e preciso, e l'impianto di lubrificazione, che può contare ora su una nuova valvola di sovra pressione direttamente sulla pompa e su un filtro modificato. Il tutto dovrebbe garantire maggiore costanza alle temperature di esercizio e minori assorbimenti di potenza. Non mancano poi ulteriori piccole modifiche sui singoli modelli, volte ad incrementare l'affidabilità e il livello qualitativo, come per esempio la nuova stampella laterale in alluminio forgiato.

PRONTO GARA La prova della gamma Husquarna enduro 2009 si è svolta su una pista da cross "endurizzata", su un fettucciato molto smosso e su un classico tracciato fra i boschi. Situazioni classiche anche per chi fa enduro a livello amatoriale, sui quali ci siamo concentrati a verificare l'efficacia dei nuovi modelli introdotti quest'anno, la piccola 125 a due tempi e le 300 (o poco più) a due e quattro tempi.


BUONA L'OTTAVA
Il motore da un ottavo di litro ha confermato di essere fra i più prestazionali della categoria, mettendo in mostra tanta grinta agli alti regimi e una buona regolarità anche in basso. Apprezzabile la robustezza della frizione, costretta al super lavoro per sopperire alla mancanza di cc in qualche situazione. Le modifiche al telaio hanno reso la moto effettivamente più stabile sul veloce, dove l'ottimo lavoro delle sospensioni e la posizione di guida perfetta permettono di divertirsi anche senza i cavalli delle cilindrate maggiori.

RACE REPLICA Nelle stesse situazioni la WR300 ha dimostrato di essere un vero purosangue, dato che la cilindrata maggiorata rispetto alla 250 (che rimane comunque in gamma) è quello che mancava, anche per sopperire al gap di potenza e coppia nei confronti della concorrenza diretta. Messa in mani esperte, perciò, questa moto è capace di cose egregie (anche in gara, come si è visto quest'anno), mentre i meno esperti triboleranno un po' per la mancanza dell'avviamento elettrico, cosa che impone polpacci tonici e un minimo di tecnica.


LA CARICA DEI 310 Il magico bottoncino fa invece parte della dotazione di serie della TE310
e questo, unito all'erogazione ancor più docile a bassi e medi regimi rispetto alla due tempi di cilindrata simile, la rende perfetta come moto "totale" per l'endurista di qualunque estrazione. Anche nel caso della TE, l'aumento di cilindrata è stato ottenuto maggiorando l'alesaggio (da 76 a 83mm), e il risultato è che il motore ha guadagnato quello che mancava in alto al 250, rendendo al contempo più piena tutta la curva di erogazione.

TUTTE PRONTE (MENO LA 125) Su tutta la gamma, comunque, è facile apprezzare il lavoro delle nuove sospensioni e l'ergonomia particolarmente centrata della posizione di guida, caratteristica questa da sempre apprezzata sulle moto varesine. Senza rivoluzioni la gamma Husqvarna rimane quindi al passo con i tempi, mentre la nuova proprietà bavarese non potrà che esaltare le caratteristiche esclusive di questo Marchio ultra-centenario. Le novità 2009 sono già disponibili presso la rete e i prezzi sono di 7.371 e 8.584 euro rispettivamente per la WR300 e la TE310.Per la 125 bisognerà invece attendere un po' di più, e stanziare 6.823 euro.


Pubblicato da Michele Losito, 17/09/2008

Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox