Autore:
Matteo Gallucci

FLASHBACK SALONE Come scritto durante la prova del Sym NH X 125 lo scorso EICMA 2018 avevo messo gli occhi sulle novità 125 cc esposte sullo stand Sym. Oltre alla piccola naked mi aveva incuriosito l’endurina stradale Sym NH T 125 perché il mercato “delle grandi” premia questo segmento sempre più; anno dopo anno. La domanda sorge lecita: questa tipologia di moto come se la cava in città con una cilindrata contenuta a 125 cc? Vediamolo assieme in questa prova su strada.

A RAGGI X Molto è in comune con la NH X 125 a partire dal design, ricercato, che vede due fari a LED sovrapposti come tratto distintivo. Non solo un esercizio di stile perché di notte illuminano egregiamente la strada per una maggiore sicurezza di guida. Il quadro strumenti è composto da uno schermo LCD che integra il contagiri, tachimetro, indicatore di livello carburante, marcia inserita e chilometri (anche parziali) percorsi. Tutto digitale, tutto moderno e ben leggibile.

CUORE EURO 4 Il motore è un monocilindrico 4 tempi da 125 cc raffreddato ad aria che eroga 10 CV a 8.500 giri/minuto e una coppia di 9,5 Nm a 6500 giri/minuto omologato Euro 4. A gestirlo ci pensa il cambio meccanico a 5 marce mentre per frenare abbiamo due freni a disco (uno all'anteriore e uno al posteriore) con frenata combinata CBS ma non è presente l'ABS.

CERCHIO GRANDE Qui troviamo la prima evidente differenza con la sorella naked. All’anteriore abbiamo un cerchio da 19’’ con pneumatici di misura 110/90, mentre al posteriore un cerchio da 17’’ che calza pneumatici di misura 130/80. Per calarsi nella parte e avere più stile, oltre che più grip, gli pneumatici sono leggermente tassellati. Anche l’altezza della sella passa da 79 cm della naked a 82 cm della NH T 125. Identico, invece, il serbatoio che può contenere fino a 10 litri di benzina e ospitando anche una utilissima presa USB per ricaricare lo smartphone o collegare il navigatore.

COME VA Non sono un gigante (170 cm di altezza) e la sella a 82 cm inizialmente mi spaventa. Tocco con le punte dei piedi e al semaforo devo coricarmi da un lato per avere la massima impronta a terra. Un compromesso che non mi stanca visto che la Sym NH T pesa solo 150 kg circa. Adoro la posizione di guida, perfetta per rimanere ore in sella: il manubrio è molto largo e mi permette di mantenere la schiena dritta, quasi come se fossi su uno scooter. Questo perché le pedane sono in basso e poco avanzate così per cambiare marcia devo calciare verticalmente come su una moto da enduro. Bisogna usare un po’ di violenza ma la sella lunga mi permette di trovarmi sempre comodo e avere pieno controllo della moto che risulta essere molto agile grazie alle dimensioni compatte. Con poco angolo di manubrio si scarta il traffico e il serbatoio scavato lateralmente mi permette di avere spazio per le gambe (anche se fossi più alto). Nessun contraccolpo quando si affronta il pavé milanese perché la forcella di tipo tradizionale svolge il suo lavoro senza trasmettere fastidiosi tremori al manubrio. La mia schiena ringrazia. Un comfort che si ottiene appieno quando rimaniamo sotto i 6.000 giri/minuto dove la conduzione della moto è praticamente assente da vibrazioni. La musica cambia se vogliamo chiedere tutti i 10 CV del 125 cc. Vista la potenza limitata per ottenere un po’ di brio bisogna cambiare quasi a limitatore, verso gli 8.000 giri/minuto, e lasciare scorrere la moto il più possibile indovinando la marcia giusta una volta usciti dalle curve. Nonostante l’impostazione da enduro la NH T 125 non ha paura dei repentini cambi di direzione e la trovo addirittura più reattiva rispetto alla versione naked gemella perché l’anteriore è sempre ben caricato in inserimento di curva senza alleggerirsi così da avere una guida più comoda e meno stressante anche quando vogliamo divertirci sui tornanti. L'impianto frenante è più che all’altezza e prevede un disco da 288 mm per la ruota anteriore e uno da 222 mm per quella posteriore con frenata combinata CBS. Purtroppo non è presente l’ABS e bisogna stare attenti a non mandare in bloccaggio la ruota posteriore nelle scalate di marcia troppo decise.

PREZZO E CONSLUSIONI La Sym NH T 125 è una moto facile a cui la piccola cilindrata sta stretta. A livello di design e presenza su strada si fa notare; incuriosendo al semaforo i “centauri” più navigati che chiedono spesso informazioni sulla moto. La guida con schiena ben dritta e manubrio largo non stanca mai e il motore, se strapazzato per bene, risulta essere il giusto compromesso per divertirsi in sicurezza anche affrontando qualche strada bianca. Una tuttofare adatta al grande pubblico che non vuole essere esclusiva dei sedicenni. Dalla sua c’è anche il prezzo low cost: infatti la Sym NH-X 125 parte da 2.450 euro (con garanzia di 4 anni o 100 mila chilometri e assistenza stradale).


TAGS: prova sym prova su strada test ride sym nh t 125 sym nh trazer 125