Autore:
Lorenzo Centenari

E SCONTO FU Tanto tuonò, che piovve. Ma pioggia dorata fu. Agognata, motivata e supportata, alla fine la richiesta della Federmoto e della rivista Motociclismo (col prezioso contributo di ANCMA) è stata accolta, e dal 1° agosto le due ruote pagheranno il pedaggio autostradale nella misura del 33% in meno rispetto alle autovetture. Un anno e passa di battaglia. Infine, la vittoria. Liberi di cavalcare, liberi di risparmiare. 

IL TERZO INCOMODO La campagna mediatica intrapresa a maggio 2016, un percorso che in realtà la FMI portava avanti da qualche anno (ma che con l'adesione di Motociclismo ha ricevuto l'impulso decisivo), ha finalmente dato i suoi frutti. L’Associazione delle concessionarie autostradali (Aiscat) ha infatti accolto la proposta del Ministero dei Trasporti di applicare al pedaggio autostradale una tariffa dedicata a moto e scooter, che sarà di un terzo inferiore a quella delle auto. A una condizione: si potrà usufruire dello sconto esclusivamente in seguito all’attivazione di un abbonamento Telepass abbinato alla targa della proprio moto (anche più di una). La misura sarà effettiva dal 1° agosto, ma diventerà operativa dal 15 settembre 2017. Significa che i motociclisti che tra il 1° agosto e il 15 settembre avranno usufruito del servizio Telepass, riceveranno successivamente il rimborso della quota. La discrepanza tra l'entrata in vigore della nuova tariffa e l'effettivo beneficio per gli utenti è dovuta alla necessità della società Telepass di completare l'adeguamento tecnologico.

LA CARICA DEI 400 Esulta la Federazione, esulta soprattutto il popolo dei rider, che finalmente vede riconosciuto il proprio diritto a circolare su strade a pedaggio in forma più economica rispetto alle quattro ruote. Il punto di svolta lo scorso 7 ottobre, quando al Mugello, in occasione di una tappa del CIV, oltre 400 motociclisti erano intervenuti alla cerimonia di consegna di un pacchetto di 30.000 firme al Vice Ministro dei Trasport Riccardo Nencini per sensibilizzare il Governo ad intervenire. Oltre a Nencini, la Federazione ringrazia il Ministro dei Trasporti Graziano Del Rio, il suo predecessore Maurizio Lupi, il sottosegretario ai Trasporti Umberto Del Basso De Caro, inoltre l'onorevole Vincenzo Garofalo, presidente del Gruppo interparlamentare Amici delle due ruote, e il presidente dell'Authority indipendente per la regolamentazione dei Trasporti Andrea Camanzi

QUANDO L'UNIONE FA LA FORZA Queste le parole espresse a caldo dal presidente FMI Giovanni Copioli: "Un grande traguardo per tutto il settore, un successo che certifica come i motociclisti - sostiene Copioli - siano finalmente riconosciuti come utenti con dei diritti, e non solo dei doveri. Gli ultimi giorni sono stati davvero febbrili nei contatti con la politica, ma ci siamo riusciti. Quando c'è unità fra le tante componenti del nostro mondo, i risultati arrivano”.

 


TAGS: moto due ruote autostrade telepass sconti pedaggi fim