Pubblicato il 17/11/20

NUOVA TRACER 900 2021 Il 2021 sarà un anno ricco di novità per Yamaha. La Casa dei Tre Diapason ha appena presentato la sua rinnovata gamma naked, composta da Yamaha MT-07, Yamaha MT-09 e MT-09 SP. Le sorprese però non sono finite qui. Adesso è la volta della crossover best seller, la Tracer 900, che per il 2021 cambia tutto, anche il nome. Ora si chiama Tracer 9 e sarà affiancata anche dalla versione accessoriata per i viaggi, la Tracer 9 GT.

LOOK Come sulla sorella minore Tracer 700, il restyling è massiccio, la Tracer 900 rompe col passato e attinge a piene mani ad elementi estetici che derivano dalla gamma sportiva Yamaha. I fari a LED sdoppiati, ad esempio, ricordano molto quelli della Yamaha R1 2020, ma tutto il frontale è stato completamente ridisegnato. C’è un nuovo parabrezza più protettivo, e anche la carenatura è stata riprogettata per meglio integrarsi con il frontale e il nuovo serbatoio. Al centro del ponte di comando trova posto una nuova strumentazione inedita composta da due display a colori da 3,5 pollici l’uno che mostrano tutte le informazioni tradizionali e permettono di gestire l’ampio numero di parametri disponibili dell’elettronica di bordo. Sulla nuova Yamaha Tracer9 2021 debutterà la piattaforma inerziale IMU a 6 assi, grazie a lei ci saranno aiuti alla guida ancora più evoluti come ABS cornering, traction control cornering, slide control, brake control e anti impennata.

Yamaha Tracer 9 2021: standar e GT

MOTORE EURO 5 Al centro del telaio rinnovato, ma ne tratteremo in seguito, trova posto il rinnovato tre cilindri montato anche sulla MT-09 2021. Il CP3 è aumentato nella cilindrata, fino a fino a 889 cc, grazie all’alesaggio maggiorato di 4 mm. La scheda tecnica ora dichiara 119 CV 10.000 giri/min e 93 Nm a 7.000 giri/min, ben 1400 giri/min prima che sull’attuale tre cilindri. Tutto ciò senza aumentare nemmeno di un grammo il peso del motore, anzi, il nuovo propulsore pesa 700g in meno rispetto al suo predecessore. Tutto ciò è stato possibile grazie al profondo lavoro di fino da parte dei motoristi Yamaha che non hanno “semplicemente” aumentato l’alesaggio, sotto i carter di novità ce ne sono eccome. A partire dai nuovi iniettori, che non sono più nella testata bensì nella parte posteriore delle teste delle valvole di aspirazione. Questo sistema consente una migliore nebulizzazione del carburante e riduce anche l'aderenza del carburante alle pareti delle bocche di aspirazione. Inoltre, permette di risparmiare fino al 9% di carburante. Insieme alla cilindrata extra arriva anche un acceleratore elettronico nuovo con sensore di posizione già utilizzato sulle nuove sportive R1 e R1M.

Yamaha Tracer 9 2021, la nuova strumentazione sdoppiata a colori

TELAIO E CICLISTICA Estetica, motore ma non solo. La nuova Tracer 9 si rinnova anche nella sua struttura portante. Il telaio Deltabox in alluminio pressofuso è stato riprogettato e alleggerito, così come il telaietto reggisella e il forcellone, per un risparmio totale di ben 2,3kg. Proprio il forcellone risalta per il taglio con il passato: non c’è più la forma “a banana” sul lato destro per ospitare il terminale di scarico, al suo posto un’unità più lineare e allungata di 64 mm. Sono inoltre inediti il montaggio del forcellone al telaio, ora all’interno della struttura, e i cerchi da 17 pollici a 10 razze, più leggeri di 700g, calzati da nuovi pneumatici Battlax T32. Il peso in ordine di marcia è di 214 kg in ordine di marcia, quindi con il 90% di capienza del serbatoio, che può contenere 19 litri di carburante. Grazie al nuovo telaio cambiano anche le sospensioni: la nuova forcella da 41 mm ha una corsa inferiore di 30 mm rispetto alla precedente, per abbinarsi alla posizione del cannotto di sterzo del nuovo telaio mentre il mono regolabile e un nuovo sistema progressivo ridisegnato aumentano l'effcienza di fuzionamento e si adattano al design modifcato del telaio e del forcellone. Ma non è finita qui, l'impianto frenante può contare su un anuova pompa radiale Nissin di derivazione R1. 

LA VERSIONE GT Al fianco della versione standard ci sarà anche la Tacer 9 GT, versione con le speciche più elevate nella gamma Yamaha Sport Touring 2021. Su di lei sono monrate di serie le nuove valigie rigide, ognuna di esse può ospitare al suo interno un casco integrale, oltre alle manopole riscaldabili e alle luci cornering. La grossa differenza sta nel reparto sospensioni, sulla pregiata GT debuttano le sospensioni KYB a controllo elettronico, evoluzione resa possibile dalla nuova piattaforma inerziale IMU, che funziona insieme all'ECU, al gruppo idraulico (HU) e al gruppo di controllo delle sospensioni (SCU) per calcolare le impostazioni di sospensione ottimali per qualsiasi situazione di guida: veloce o lento, bagnato o asciutto, liscio o accidentato, in solitaria o in due. 

PREZZO E DATA D'ARRIVO Entrambe le versioni della crossover di Iwata saranno disponibili nei concessionari a partire da marzo 2021. L'aumento della tecnologia e le migliorie meccaniche hanno comportato un lieve aumento del prezzo di listino: 11.199 euro per la Tracer 9, 13.599 euro per la premium Tracer 9 GT


TAGS: yamaha tracer 900 2021 yamaha tracer 900 gt 2020 yamaha tracer 900 prezzi yamaha 900 tracer 2020 yamaha tracer 900 gt 2021 nuova yamaha tracer 900 nuova yamaha tracer 900 gt 2021 yamaha 900 tracer 2021 yamaha tracer nuova