Pubblicato il 22/02/21

TUTTI PER STRADA Il trend del momento è quello delle sportive stradali. In attesa di poterle provare ed eventualmente acquistare, tutti ne parlano e il dibattito è piuttosto ricco: meglio l’Aprilia RS 660 o la Ducati Supersport 950? E se KTM trasformasse la sua 890 Duke R misteriosa in un’affilatissima RC 890? Yamaha poteva forse astenersi dal confronto? Ovviamente no, infatti i brusii aumentano di tono… una MT-07 con carene e semi manubri! Son tutti impazziti o qualcosa di vero c’è?

IL PRECURSORE In realtà qualcuno ci ha già pensato a realizzarla, e quasi fin dall’uscita del primo modello di MT-07. Negli USA, infatti, il californiano Andy Palmer dal 2014 realizza dei kit di conversione per trasformare la FZ-07 (nome della naked di Iwata negli Stati Uniti) in una leggerissima supersportiva pronto pista, moto adatta a correre nella categoria Lightweight all’interno del campionato AMA Superbike.

Una MT-07 trasformata da Andy Palmer

LA TRASFORMAZIONE La trasformazione è piuttosto importante, sia a livello estetico, sia a livello meccanico. Ovviamente viene rimosso il manubrione in favore di una coppia di semi-manubri, vengono aggiunte carene in stile MotoGP, e tutto l’avantreno viene rimpiazzato con uno preso in prestito da una Yamaha R1, forcella a steli rovesciati e pinze ad attacco radiale incluse. Per 1.300 dollari il gioco è fatto, ma per staccate al fulmicotone e scalate repentine c’è anche la frizione anti-saltellamento, acquistabile con un extra di 850 dollari. Per chi non volesse spendere così tanto si può risparmiare intervenendo sulla cartuccia della forcella anziché rimpiazzarla.

TROPPO OLTRE Queste sono modifiche estreme, adatte all’uso sportivo tra i cordoli ma ciò non toglie che le case stiano pensando a moto meno specialistiche delle vecchie sportive 600 cc a quattro cilindri per soddisfare la voglia di semi manubri su strada degli appassionati. La formula 200 kg/100 CV è ciò che rende una moto piacevole su strada (certo, poi c’è la bontà della ciclistica da aggiungerci) e la Yamaha MT-07 potrebbe fare da base ad un interessante progetto. L’unica pecca potrebbe essere la scarsa cavalleria, le rivali sopracitate lambiscono – o nel caso della Supersport li superano anche – i 100 CV all’albero motore. Cosa accadrà da qui a qualche anno non è ancora certo, ma il segmento è in fermento e Yamaha s’è sempre dimostrata all’altezza, ci riuscirà ancora?


TAGS: yamaha. yamaha mt-07 yamaha mt-07 sportiva yamaha mt-07 carenata yamaha mt-07 sportiva stradale