Autore:
Danilo Chissalè

ULTIMO SAMURAI La Suzuki Katana ha catalizzato le attenzioni su di sé come unica vera novità del 2019 della Casa di Hamamatsu. A quasi un anno di distanza dalla sua prima apparizione in pubblico, ecco l’ultima versione della moto che riprende il nome della spada dei samurai, la top di gamma Katana Jindachi.

parabrezza maggiorato per suzuki katana 2019

NOME OMEN Nel campo delle spade tradizionali giapponesi la Katana Jindachi non è una spada qualsiasi. Jindachi identifica infatti una particolare categoria di spade a lama lunga, caratterizzate da ornamenti e finiture di pregio. Su questa filosofia Suzuki ha realizzato la sua Katana Jindachi pescando a piene mani dal catalogo degli accessori originali realizzando una serie speciale.

FULL OPTIONAL La Katana Jindachi è una vera e propria full optional. A rubare la scena c’è il terminale Akrapovic dedicato, ma completano il pacchetto le finiture in carbon look per il serbatoio, gli adesivi sulle ruote, la sella bicolore con il logo Katana ricamato e il comodo parabrezza maggiorato. Il pezzo forte è il prezzo: 14.290 euro, non male se si pensa che il valore degli accessori presi singolarmente supererebbe i 1-500 euro.

scarico Akrapovic per suzuki katana 2019

SAPPIAMO TUTTO Di lei si sa praticamente tutto, ve l’abbiamo anche raccontata nella nostra prova su strada. Per i più pigri ecco un breve ripasso. Il motore è quello della mitica GSX-R 1000 K5, opportunamente aggiornato per rientrare nei parametri Euro4, in grado di erogare 150 cv. Per quanto riguarda la ciclistica la Katana sfrutta un telaio in alluminio accoppiato a sospensioni KYB (con forcella a steli rovesciati da 43 mm), l’impianto frenante è invece marchiato Brembo controllato dall’ABS Bosch.  

 


TAGS: suzuki katana jindachi suzuki katana prezzo suzuki katana accessori suzuki katana akrapovic