Suzuki GSX-R 750 2020: se la godono solo all'estero
Novità moto

Suzuki GSX-R 750 2020: la grande assente dal mercato italiano


Avatar di Alessandro Perelli , il 30/09/19

2 anni fa - Suzuki GSX-R 750 2020: motore, scheda tecnica, lancio

La Suzuki GSX-R 750 2020 cambia poco, ma rimane un esempio di equilibrio. Che purtroppo apprezza solo chi vive all'estero

PERFETTO EQUILIBRIO Sono passati più di 30 anni da quando la Suzuki GSX-R 750 è stata lanciata a livello mondiale e oggi continua a rappresentare quel giusto compromesso di prestazioni e guidabilità fra le potenti 1.000 cc e le scorbutiche 600 cc, che ne ha decretato un tale successo. Prendete un motore potente e capace di riprendere con forza da basso fino ad alto regime, abbinatelo a un telaio di dimensioni da piccola seicento e, voilà, avrete fra le mani una grande motocicletta da strada, ma capace di tenere il passo delle maxi sportive anche in circuito. Comunque, su strada o in pista, la GSX-R 750 offre una combinazione invidiabile di maneggevolezza e potenza grazie al suo flessibile motore da 750 cc e al telaio leggero e compatto.

VEDI ANCHE



Suzuki GSX-R 750: livrea nera per settemezzo giapponese Suzuki GSX-R 750: livrea nera per settemezzo giapponese

QUATTRO CILINDRI E 150 CV La nuova Suzuki GSX-R 750 2020 mantiene inalterato il suo motore a quattro cilindri bialbero a iniezione, capace di 150 CV a 13.200 giri e 86 Nm a 11.200 giri. Un motore che regala emozioni forti e si abbina perfettamente alla ciclistica con telaio perimetrale in lega leggera, sospensione anteriore con forcella a steli rovesciati e monoammortizzatore posteriore completamente regolabili. Per il m.y. 2020, Suzuki presenta due colori che includono una tinta nero/bianco e una total black.


Pubblicato da Alessandro Perelli, 30/09/2019
Vedi anche
Logo MotorBox