Pubblicato il 30/03/2020 ore 11:43

FUGGIRE (DALLA NOIA) Gli effetti dell’isolamento sociale iniziano a farsi vedere, sia nel lento ma pur positivo calo nel numero di contagiati, sia nei nostri concittadini… ma non come pensereste. Ad Arezzo, un giovane ha deciso di fuggire dalla noia inforcando la sua moto per il più classico dei giri domenicali.

BECCATO… E MULTATO Il ventenne, una volta avvistati i Carabinieri, ha provato a nascondersi per eludere i controlli, ma le forze dell’ordine non si sono fatte trarre in inganno. Dopo un inseguimento, i Carabinieri hanno fermato il giovane in zona Tortaia. Il ragazzo circolava senza valido motivo e senza autocertificazione, i carabinieri hanno dunque applicato le sanzioni del caso, che stando all’ultimo decreto prevedono una multa che varia da 400 euro a 3.000 euro.Posto di blocco dei Carabinieri

AGGRAVANTE A decidere la gravità della sanzione sarà il prefetto che, considerando inoltre che il giovane era anche sprovvisto di patente di guida, difficilmente si mostrerà indulgente. Vi ricordiamo che le nostre amate due ruote possono essere utilizzate, ma solo in casi di necessità (recarsi a fare la spesa, al lavoro e per esigenze indifferibili) e con autocertificazione in possesso… ah magari ricordatevi anche la patente!


TAGS: Coronavirus autocertificazione moto in moto senza valido motivo