Pubblicato il 03/04/2020 ore 12:05

CHE COSA SEI? La domanda a prima vista sorge spontanea, che cosa diavolo è? Il nome ufficiale è DragonTT MP1, uno scooter a tre ruote realizzato in Spagna dotato di carrozzeria, vano bagagli e c’è anche il riscaldamento. In realtà sotto la carenatura si nasconde la base meccanica dell’italianissimoPiaggio MP3.

350 o 500 Proprio come lo scooter a tre ruote Made in Pontedera anche il DragonTT MP1 è disponibile nelle due cilindrate 350 cc o 500 cc. Il primo ha valori di potenza e coppia pari a 30 CV e 29 Nm, il secondo (44 CV e 45 Nm). Mai come questa volta la potenza dei motori è una discriminante da non sottovalutare, il peso aggiuntivo della carena e di tutti gli altri accessori, infatti, influenza non poco le prestazioni.

DragonTT MP1 in azione

COME UNA SUPERCAR Enzo Ferrari diceva: “chiedete a un bambino di disegnare una macchina, lui la disegnerà rossa”, chissà cosa ne penserebbe il buon vecchio Drake vedendo MP1, ribrezzo o ammirazione? Le linee sono quelle spigolose delle moderne supercar, mentre il sistema di apertura ricorda quello del caccia F-14 di Tom Cruise in Top Gun, insomma, cuccare dovrebbe essere un gioco da ragazzi… eppure non ne sono così convinto. Nel caso si riuscisse c’è anche la possibilità di trasportare il passeggero, a patto di incastrarlo nella carenatura posteriore dalle linee sfuggenti. Completano la dotazione nuove luci a LED, il riscaldamento per evitare l’appannamento nelle giornate più fredde e c’è perfino un tergi cristallo funzionante.

AL RIPARO In caso d’intemperie si è totalmente coperti, o quasi. La carenatura è aperta nella parte inferiore per poter permettere di toccare facilmente il terreno in caso di emergenza anche se, ricordiamo, il Piaggio MP3 offre di serie un sistema che blocca la sospensione anteriore e permette di fermarsi al semaforo senza dove mettere giù il piede, soluzione ideale se non volete inzuppare il mocassino in una pozzanghera.

DragonTT MP1 vista posteriore

ARTIGIANALITÀ Guardando nel dettaglio il DragonTT MP1 si nota come la costruzione sia ben lontana dagli standard produttivi delle grandi case costruttrici, la realizzazione è totalmente artigianale o quasi e, come spesso accade, la realizzazione fatta a mano in piccola serie porta con sé un’inevitabile conseguenza: prezzi elevati. Nello specifico quello dell’MP1 è a partire da 16.000 (per la cilindrata più piccola) esclusa la spedizione.


TAGS: dragontt dragontt mp1 scooter dragontt mp1 2020