Autore:
Andrea Rapelli

IL 2T RISORGE Il 2T è morto? No, è appena risorto in Austria: le nuove KTM enduro 2018 - le EXC 250 e 300 - montano infatti motori 2T con iniezione elettronica TPI (Transfer Port Injection).

BREVETTATO Un brevetto KTM, che prevede due iniettori nei travasi del cilindro: ciò consente di ridurre il consumo di carburante ed evita - ovvio - di dover cambiare i getti del carburatore per affrontare situazioni diverse. Adesso, è l'elettronica a creare la miscela perfetta.

CENTRALINA MOTORE Tutto ciò ha portato anche un sacco di nuovi (e necessari) componenti: oltre al sistema di gestione motore EMS e alla centralina ECU, sono nuovi di pacca anche corpo farfallato, cilindro, airbox, pompa olio e si è reso necessario un serbatoio carburante specifico.

COMPONENTI DOC Non solo: il telaio in acciaio è stato rivisto per alloggiare il tappo e il tubo flessibile – nonché il serbatoio stesso – dell'olio. Infine, non mancano avviamento elettrico, batteria ultraleggera al Litio, freni Brembo, frizione idraulica e, naturalmente, sospensioni WP. Senza dimenticare nuove grafiche 2018.

NUOVO INIZIO Un nuovo inizio, quindi, per il motore 2T, che pareva destinato, causa inquinamento, all'oblio. Che la strada aperta da KTM sia da esempio anche per altri Costruttori? Il tempo ci darà la risposta.


TAGS: ktm 2 tempi iniezione elettronica ktm tpi 2018 gamma ktm enduro 2018