Pubblicato il 24/09/20

CORSE PAZZE A inizio anno l'AMA (American Motorcyclis Association) aveva dato vita alla categoria ''King of the Baggers'' dedicata - come indica il nome - alle bagger americane come Harley-Davidson Road Glide e Indian Challenger. La pazza idea è nata in collaborazione con Drag Specialties, marchio posseduto da Parts Unlimited, e si sarebbe dovuta correre a Laguna Seca lo scorso luglio come unica tappa dell'anno, in concomitanza con l'AMA Superbike. La gara, per ragioni legate al Covid-19, è stata rimandata al weekend del 23-25 ottobre 2020, ma nel frattempo i partecipanti si stanno preparando come si deve. 

La Indian Challenger pronta per l'AMA King of the Baggers


COSA CAMBIA Indian Motorcycles parteciperà in una folta schiera di Harley, e per tenere alto il nome della casa motociclistica più antica d'America ci pensa una Challenger preparata da S&S Cycle. La moto, rispetto a quella che abbiamo provato noi... è un'altra moto! Il motore da 122 CV è stato rivisto dai preparatori americani, con nuovi carter motore per aumentare la luce a terra, mentre un nuovo filtro dell'aria e scarichi aperti ne aumentano sicuramente le performance. Se il muscoloso bicilindrico è stato rivisto, la ciclistica è stata completamente stravolta. Tutte le sovrastrutture saranno in fibra di carbonio: alcuni dettagli - come il parafango posteriore - mantengono la stessa forma della moto originale, mentre altri come il serbatoio sono stati ridisegnati per migliorare la posizione in sella. A rendere ancora più sportiva la turistica Challenger c'è una coppia di semimanubri, una nuova sella, pedane arretrate e rialzate. Al posto della cinghia di trasmissione finale ecco una catena, abbinata a un forcellone più snello, mentre i cerchi da 17'', le sospensioni Fox regolabili (compresa una forcella a steli rovesciati) e nuovi freni Brembo ne completano il pacchetto. 


TAGS: corse indian bagger Indian Challenger AMA