Pubblicato il 25/11/20

Quando due case della Motor Valley uniscono le forze, il successo è quasi certamente assicurato, anche se si tratta di un “esercizio stilistico” come la Ducati Diavel 1260 Lamborghini. Si tratta di un’edizione limitata a 630 unità (con targhetta numerata posta sul telaio) della maxi cruiser di Borgo Panigale ,caratterizzata da tratti distintivi della Siàn, una delle ultime creazioni della Casa di Sant’Agata Bolognese. Entrambi i brand fanno parte del gruppo VW-Audi: sebbene una semplice sponsorizzazione di Lamborghini sulle Ducati Pramac in MotoGP, i due marchi non hanno mai collaborato attivamente con un modello… fino ad ora.

Lamborghini Siàn e Ducati Diavel 1260 Lamborghini

FORME UNICHE I centri stile Ducati e Lamborghini hanno unito le forze per traslare i dettagli stilistici della Siàn sulla Diavel, senza però snaturarne l’identità. Il risultato è una Diavel 1260 caratterizzata da una verniciatura Verde Gea accostato al telaio a traliccio di tubi color Oro Electrum, lo stesso dei cerchi. Parlando di quest’ultimi, sono senza dubbio il tratto più distintivo di questa Diavel Lamborghini: replicano fedelmente la forma di quelli presenti sulla Siàn, regalando ulteriore presenza scenica a una moto che già godeva di una forte personalità.

Lamborghini Siàn e Ducati Diavel 1260 Lamborghini

ELEMENTI PREZIOSI Nuovi anche i fianchetti laterali caratterizzati dal numero “63” (che si rifà al 1963, anno di fondazione di Lamborghini), così come le prese d’aria sulla parte laterale del serbatoio, in prossimità delle quali è disposta la bellissma effige Diavel 1260 Lamborghini. Ovviamente non poteva mancare il logo Lamborghini, messo in bella mostra al centro del serbatoio in fibra di carbonio. Unici per questo modello sono anche i parafanghi (anteriori e posteriori), anch’essi in fibra di carbonio, così come la cover della sella posteriore, con la coda caratterizzata dalla parte inferiore di color Oro Electra.

I fianchetti della Ducati Diavel 1260 Lamborghini

IL DIAVOLO STA NEI DETTAGLI A completare il pacchetto estetico ci pensano le bellissime pinze monoblocco Brembo M50 in rosso acceso: lo stesso colore che troviamo sulle pinze Brembo dei carboceramici della Siàn. Ovviamente non potevano mancare i motivi a “Y” ed esagonali tipici delle Lamborghini. Sulla Diavel 1260 sono stati posizionati in modo da essere ben visibili, ma anche da non modificare lo stile generale della moto. Infatti le “Y” sono presenti nelle cuciture a contrasto poste sulla sella, mentre la forma esagonale caratterizza il doppio terminale di scarico in fibra di carbonio. A ricordarci di quanto sia speciale questa moto è il display TFT che, all’avviamento, accosta gli scudetti Ducati e Lamborghini.

Le pinze Brembo M50 rosse della Ducati Diavel 1260 Lamborghini

MOTORE E TECNICA Dal punto di vista del motore e della meccanica, la Ducati Diavel 1260 Lamborghini è tale e quale alle sorelle Diavel 1260 e Diavel 1260 S, con cui condivide il comparto ciclistico ed elettronico. C’è sempre il telaio a traliccio accostato al motore Testastretta DVT da 1.262 cc con variatore di fase. Il motore, omologato Euro 5, eroga 162 CV (119 kW) a 9.500 giri/min e 129 Nm a 7.500 giri/min. L’elettronica invece è composta dalla piattaforma Bosch IMU a 6 assi al quale sono associati elettronico comprende ABS Cornering EVO, Ducati Traction Control EVO (DTC), Ducati Wheelie Control EVO (DWC), Ducati Power Launch EVO (DPL) e Cruise Control.


TAGS: ducati lamborghini lamborghini sian Euro5 Ducati Diavel 1260 Lamborghini Novità 2021