Pubblicato il 20/05/21

Se nel 2021 il Benelli Leoncino ha subito alcune modifiche – Euro 5 su tutti – per il 2022 potrebbe riceverne di altre. In Cina, infatti, il gemello di QJMotor monta un motore da 549 cc in luogo dei 499 dell'attuale moto pesarese. Il segnale che anche il Leoncino crescerà di cilindrata?

PIÙ POTENTE Il nuovo modello QJMotor – che ricordiamo, è proprietaria di Benelli – debutterà in Cina con un motore da 549 cc e circa 3,5 CV in più della nostrana versione da 499 cc e 47,6 CV. Le differenze tra la QJMotor e il Leoncino, tuttavia, vanno oltre la cilindrata: la moto cinese, infatti, oltre a vantare un'estetica leggermente differente, pesa 14 kg in meno di quella italiana, vale a dire 193 kg contro i 207 della Benelli. Le novità che arrivano da oriente talvolta anticipano il futuro del mercato europeo, quindi sembra plausibile che il Leoncino possa in futuro aggiornarsi all'omologo cinese.

La parente QJMotor, da 549 cc, della Benelli Leoncino

LIMITE 35 KW Il passaggio da 500 a 550, però, richiederebbe alcuni aggiornamenti. L'attuale potenza del Leoncino, infatti, rientra nel limite dei 35 kW e 47,6 CV, permettendone la guida con patente A2: superato tale limite, anche se di pochi cavalli, la moto pesarese richiederebbe la A3, precludendosi un'interessante fetta di mercato. Insomma, ci vorrebbe qualche modifica a livello di elettronica per bloccarla entro il limite ma che ne renda semplice il ritorno a potenza piena. Infine, non sarebbe da meno la questione Euro 5, che riguarda il nostro paese ma non la Cina. Insomma, varrà davvero la pena passare al motore 550? 


TAGS: benelli Benelli leoncino QJMotor Benelli Leoncino 2022