Autore:
Andrea Rapelli

MOTO 2WD Due ruote muovono l'anima, se sono 2WD lo fanno ancora meglio: lo slogan della Armotia, marchio tutto italiano nato ad Osimo, provincia di Ancona, non lascia spazio a dubbi. Perché le Armotia Due R, stradale, e Due X, più off, sono le prime elettriche a due ruote motrici a ripartizione elettronica della coppia.

DUE MOTORI I motori elettrici sono brushless a magneti permanenti, raffreddati ad aria. Quello davanti è a flusso radiale, dietro diventa assiale. Per una potenza totale di 15 cavalli (11 kW) e una coppia, udite udite, di 370 Nm. E una velocità massima di 90 km/h, con tre riding mode. Tutto ciò grazie ad una batteria agli ioni di litio da 72 V e 6,1 kWh, che si ricarica completamente in sei ore e permette di guidare fino a circa 100 km.

19" O 21", A SCELTA Ma che differenza c'è tra le due? La Armotia Due R ha un'indole più stradale, con ruota anteriore da 19" e pneumatici più da asfalto. La Due X, invece, è pensata per divertirsi sulle mulattiere: ruota da 21", tassello pesante e sospensioni dedicate. Per entrambe smartphone integrato - funge da strumentazione - per fare video, salvare i dati della telemetria e condividere il percorso con gli amici.

TELAIO A TRALICCIO Non solo: la forcella della X ha steli da 43 mm (41 sulla R) e 260 mm di escursione mentre il mono Öhlins (non c'è sulla R), con regolazione precarico ed estensione, ha una corsa di 220 mm. Il telaio è a traliccio in acciaio a tubi ovali, l'interasse di 1.410 mm e il peso a secco è di 126 kg (129 kg la R). Pinze freno Nissin per la X, Brembo per la R, con dischi da 260 mm davanti e 220 mm dietro.

 

 


TAGS: moto elettriche armotia due armotia due r moto elettriche armotia